Passa ai contenuti principali

C’è davvero bisogno di un altro libro su Frida? Vi presento il mio "Erbario di Frida Kahlo"

Certamente mi sono chiesta, c’è davvero bisogno di un altro libro su Frida?  Il fatto è che da bookblogger e appassionata di quest’artista non ho ancora trovato un libro sull’argomento in grado di emozionarmi totalmente. 





Di solito nei libri sulla pittrice messicana, soprattutto quelli rivolti all’infanzia,  si parla della sua vita oppure della sua arte. Quello che avevo in mente di fare io, invece, era di parlare di entrambi questi aspetti a partire dal suo amore per la natura. Sono grata a Carlotta Catellani per aver accolto questa mia idea e avermi aiutato a metterla per iscritto. E’ stato un gran lavoro di squadra a quattro mani, che mi ha arricchita tanto. 

Non sono una storica dell’arte, e infatti questo libro nasce da un’intuizione e dalla mia passione ormai di lunga data per il Messico e per Frida, che sono per me imprescindibili perché segnano uno dei momenti più importanti della mia vita, ovvero l’incontro con mio marito, il mio compagno di vita ormai da diciassette anni. 

Non sarebbe stato possibile veder realizzato questo sogno senza l’importante appoggio e sostegno di Francesco di Saremo Alberi Editore, che tra le altre cose, anzi la più importante ha trovato Valentina Cascio come illustratrice perfetta della nostra storia. 


“Che cos’è che fa battere il cuore di Frida? L’arte, l’amore e gli occhi puntati sul suo giardino. Dalla finestra della camera, che a volte si trasforma in un letargo di silenzio e tristezza, penetra il riflesso delle fronde degli alberi che sono in grado di farle ritrovare il buonumore. I colori vivaci e il profumo dei fiori riempiono la sua vita, scacciando le ombre dei fantasmi.”




Inizia così il percorso tematico e cronologico alla scoperta della natura rigenerante e rigogliosa che arricchisce la vita della pittrice messicana. L’obiettivo dell’Erbario di Frida Kahlo è quello di avvicinare le bambine e i bambini alla sua arte, con un focus su alcuni dei fiori e delle piante presenti nei quadri.



Un libro su Frida che non sia una biografia è sicuramente una sfida. La famosa pittrice messicana lungo tutta la sua carriera artistica ha tracciato un’autobiografia di se stessa, utilizzando l’autoritratto come elemento fondamentale per raccontarsi. 


Accanto alla sua immagine vi sono anche la flora e la fauna tipiche del Messico, che si stagliano sullo sfondo come elementi complementari ai suoi autoritratti oppure diventando quadri a sé stanti. Questi ultimi, generalmente sono meno conosciuti, ma non per questo meno d’impatto. Nature morte, che per lei sono vive. Ed è proprio a partire da tali quadri che questo libro vuole narrare una storia, la storia di Frida, certo, ma anche delle sue piante e del suo giardino circondato da pitahaya, dhalie, girasoli, papaya, alberi da frutto e infinite varietà di cactus.




La botanica è cura per l’anima, tiene lontani i cattivi pensieri. Un libro ambientato nel Messico vissuto da Frida Kahlo che si rivela molto attuale, concentrandosi sull’importanza della natura nelle nostre vite e di come essa possa essere salvifica se ce ne riconosciamo parte intrinseca e imprescindibile.










Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La serie di Teresa Battaglia, una commissaria contro gli stereotipi

Mentre ce ne stiamo a rimirare i fiori, c’è qualcuno che sta attraversando l’inferno. Fiori sopra l’inferno   è il titolo del primo dei quattro libri della serie di Teresa Battaglia scritta dall’autrice friulana Ilaria Tuti e cela l’haiku del poeta giapponese Kobayashi Issa. Non scordare: noi camminiamo sopra l’inferno,  guardando i fiori. E questo qualcuno, che ha attraversato l’inferno, e’ l’assassino. O l’assassina. Sempre seriale. La capacità empatica di sentire il dolore nel male, mi ha fatto apprezzare il commissario Battaglia, anzi la commissaria, che è una donna e una madre anche senza avere figli biologici, per la sua innata compassione nei confronti della vita quando inerme.  Questa capacità che è poi la chiave della sensibilità, mette in crisi i confini classici del bene e del male, mostrando come a volte chi è carnefice è in primo luogo vittima. Vittima di violenza assistita o vissuta sin dall’infanzia. Questo non vuol dire che la violenza è giustificata, anzi, s

Fiori di Kabul, quando un fiore cresce nella polvere

  “Sei un fiore prezioso, e i fiori preziosi non possono crescere nella polvere.” La mamma lo ripete spesso a Maryam nella polverosa Kabul, mentre tutti gli altri cercano in ogni modo di non farla sbocciare. Tutti gli altri a cominciare da suo padre, che le impedisce di imparare ad andare in bicicletta, perché “è una cosa che offende l’Islam”, se ci vanno le femmine. Ma non proprio tutti, perché c’è suo fratello che è un uomo buono, come anche il suo allenatore, e la sua migliore amica, Samira. Lei è hazara e Maryam pashtun: sono entrambe due fiori bellissimi.  “Non sapevo se fossi davvero preziosa, ma mi piaceva l’idea di essere un fiore.  Magari in un’altra vita lo ero stata veramente, un fiore che cresceva là sulla montagne, era possibile, e forse era per questo che ogni giorno desideravo essere lassù.” Montagna, senso di libertà, il vento tra i capelli e Maryam che pedala verso il suo destino con il cuore che le batte all’impazzata. Oggi, per noi in Italia, o comunque in Occid

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava