Passa ai contenuti principali

Fiori di Kabul, quando un fiore cresce nella polvere

 

“Sei un fiore prezioso, e i fiori preziosi non possono crescere nella polvere.”

La mamma lo ripete spesso a Maryam nella polverosa Kabul, mentre tutti gli altri cercano in ogni modo di non farla sbocciare. Tutti gli altri a cominciare da suo padre, che le impedisce di imparare ad andare in bicicletta, perché “è una cosa che offende l’Islam”, se ci vanno le femmine. Ma non proprio tutti, perché c’è suo fratello che è un uomo buono, come anche il suo allenatore, e la sua migliore amica, Samira. Lei è hazara e Maryam pashtun: sono entrambe due fiori bellissimi. 


“Non sapevo se fossi davvero preziosa, ma mi piaceva l’idea di essere un fiore. Magari in un’altra vita lo ero stata veramente, un fiore che cresceva là sulla montagne, era possibile, e forse era per questo che ogni giorno desideravo essere lassù.”


Montagna, senso di libertà, il vento tra i capelli e Maryam che pedala verso il suo destino con il cuore che le batte all’impazzata. Oggi, per noi in Italia, o comunque in Occidente, che una ragazzina vada in bicicletta sembra qualcosa di scontato. In un Paese come l’Afghanistan, invece, in cui una femmina può a stento proferire parola, andare in bicicletta resta un miraggio irraggiungibile. 


“E mentre pedalavo mi aspettavo da un momento all’altro che raccogliessero una pietra e me la scagliassero contro, come avevano fatto con Henna. Io li sfidavo, fra me e me, che ci provassero, tanto anche se fossimo cadute ci saremmo rialzate e avremmo continuato a pedalare. Che tirassero tutte le pietre che volevano, noi avremmo mostrato loro quante volte una donna po' cadere e rialzarsi.”


La scrittura fluida di Gabriele Clima riesce a far vivere i personaggi della storia e ad avvicinarli a noi quasi fossero amici di sempre, anzi le nostre amiche del cuore. Mentre leggevo, mi sono talmente immedesimata con Maryam e la sua storia, che migliaia chilometri di distanza si sono accorciati, facendomela credere la vicina della porta accanto. Questo per dire che il mondo è nostro, e la condizione delle donne afgane è la condizione nostra e delle nostre figlie. E sicuramente lo è stata in passato e potenzialmente lo può sempre essere, magari in nome non dell’Islam, ma di qualsiasi altro idolo, ogni volta che una donna viene toccata con qualcosa che non è un fiore. 


Vorrei concludere con le parole dell’autore, che così mi ha scritto, quando gli ho chiesto se voleva aggiungere qualcosa a questa mia recensione.


“La letteratura dà la possibilità di far capire l'attualità ai ragazzi andando oltre l’informazione, toccando corde più profonde, quelle del sentire, oltre a quelle del comprendere, in modo che anche ciò che accade a seimila chilometri da noi non resti cosa che non ci appartiene, ma diventi un sentire collettivo che riguarda tutti. Del resto lo sappiamo, il pensiero integralista non è solo quello talebano che governa oggi a Kabul, è quello di un marito che picchia la moglie, di un razzista che insulta una persona di colore, di un omofono che manda all’ospedale un ragazzo solo perché gay; e questo tipo di pensiero, purtroppo, ci riguarda molto da vicino.” 


La natura è resiliente, le donne lo sono, se un fiore deve sbocciare e crescere, lo può fare anche nella polvere. E con la sua luce e il suo splendore sairà d'esempio per tutti gli altri. 




Se vuoi, sostenere il mio lavoro, trovi qui il link per l'acquisto di Fiori di Kabul.

Commenti

  1. La storia mi piace. Credo sia il periodo storico che mi spinga a voler leggere libri di uqesta tipologia 👍

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordissimo sul ruolo della letteratura. Non è solo un'esperienza estetica

    RispondiElimina
  3. Che splendide parole quelle aggiunte dall'autore! Bella proposta davvero

    RispondiElimina
  4. Contando il periodo storico, credo sia il momento giusto per affrontare questa lettura che mi sembra davvero interessante

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto il pensiero sulla letteratura, molto vero!

    RispondiElimina
  6. Bella recensione e bella analisi dello scrittore

    RispondiElimina
  7. Credo proprio che questa lettura sia adatta ai tempi che corrono! Mi piace molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in