Passa ai contenuti principali

La natura è tra le pagine di un libro: casa editrice Edizioni Minerva

Oggi voglio presentarvi Edizioni Minerva, una casa editrice che ha saputo cogliere l’essenza del nostro animo proponendoci questi bellissimi libri.



Per me LA LEVATRICE di Giovanna Tanelli Bulbarelli, una raccolta di racconti che sono testimonianze reali di vita vissuta da doule e levatrici nella prima metà del secolo scorso. Un mestiere antico, anzi primordiale strettamente legato al lato più tellurico del femminile, tanto che spesso le levatrici venivano scambiate per streghe, oppure le streghe per levatrici - che è poi la stessa cosa. Anche se non mancano controsensi, ad esempio nell’affermazione che si diventa donna, una donna vera quando si diventa madri. Oppure il rifiuto di far abortire una donna che ha subito violenza. D’altronde i tempi erano quelli e la lotta femminista stava appena cominciando.


Per Dafne, che ama gli animali e da grande vorrebbe fare la veterinaria, due preziosi quaderni cartonati che contengono ognuno un racconto diverso che narra storie di animali e del rapporto dell’essere umano con la natura. 


IL CERVO E IL BAMBINO di Francesco Vidotto in cui la storia è narrata dal punto di vista di un grande e vecchio cervo morente, ucciso dal padre di un bambino di cinque anni, che vedendolo morire lo abbraccia con tutta l’innocenza e l’amore che la sua tenera età gli suggerisce. L’anima del cervo, o la sua pelle, decidono di aprirsi al bambino e di narrargli della sua lunga vita tra le montagne  e di come aveva conosciuto l’essere umano.


IL GRANDE CUCCIOLO di Stefano Rocchetti è la storia di Bruno e Jack, un bambino di sette anni e il suo amato cane. Insieme formano una coppia fissa, inseparabile, e poi Bruno trova anche il gatto Barbanera con un occhio solo e il coniglio Cirillo e tutti insieme formano una squadra fortissima, finché non arriva un nuovo amico, il Grande Cucciolo. Ed è coì che Bruno inizia a salvare gli animali. 


Per Leo e Bianca, UN OCCHIO VERDE E UNO BLU di Sabina Guidotti e Alma Di Pietro con le deliziose illustrazioni di Rita Cardarelli. Un albo illustrato davvero molto particolare, che introduce almeno due temi molto importanti come la gestione di una disabilità, come il disturbo visivo, e l’abbandono dei cani. Come scrive Antonio Faeti “può dirsi unico perché è didatticamente efficace e anche limpidamente elegante.”


Anche se sei diverso, e nessuno vuole giocare con te, magari perché hai un occhio di un colore diverso dall’altro, l’immensità della vita, la sua infinita potenzialità può far sì che prima o poi potrai incontrare qualcuno come te. E non deve trattarsi per forza di un essere umano, potrebbe essere una pianta o un animale. Nel caso di Giulio, un’anziana cagnolina, nonna Lia, che viene salvata dalla tristezza e dalla solitudine del canile in cui è stata abbandonata. 


“Anche se hanno un occhio verde e uno blu,

insieme riescono a vedere il mondo di mille colori.”







Commenti

  1. Io sono come Dafne e sono rimasta folgorata da quelli dedicati agli animali 😍

    RispondiElimina
  2. Bellissime proposte, super interessanti e divertenti

    RispondiElimina
  3. Conoscevo solo di sfuggita questa ce, davvero tutte belle proposte

    RispondiElimina
  4. Che tenerezza il bambino che abbraccia il cervo, mi si è spezzato il cuoricino

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in