Passa ai contenuti principali

Belle di papà

Oggi vi presento due libri molto interessanti della casa editrce Blackie Edizioni.


Bella di papà

Perché qualsiasi cosa orribile, qualsiasi stereotipo assurdo la società voglia far passare per normale, esiste la possibilità di trovare quelle risorse per capire che non vada bene. 


Solo per dire che a dispetto di Freud e del complesso di Edipo o di Elettra, la responsabilità va vista nell’atteggiamento dei nostri padri. Non tanto in un’inconscia attrazione sessuale infantile verso il genitore di sesso (attenzione!) opposto.


Che peraltro - aggiungo io - viene visto dalla stessa società che avvalla tali stereotipi come qualcosa di assolutamente normale ed inevitabile: un rito di passaggio da sublimare.

In questo saggio romanzato Katherine Angel smonta, stereotipo dopo stereotipo, il patriarcato incentrato sula figura del padre padrone, padre geloso, padre sessuato.
Quel tipo di padre che è comunque accettato dalla società nonostante l’evidente aberrazione.

In altre parole, l’autrice analizza, senza peraltro appesantire il testo con apparati bibliografici o accademici, ed è per questo che dico che si tratta di un saggio romanzato, diversi discorsi mediatici che trattano appunto il rapporto tra padre e figlia e viceversa.

La panoramica parte da Virgina Woolf e il rapporto con il padre tirannico e possessivo che esercitava sulla scrittrice un dominio soffocante, attraversando alcuni interessanti contributi presi da serie tv, cinema, letteratura, psicanalisi, fatti di cronaca e quindi non solo da parte femminista, mettendo in discussione il patriarcato. 


Le divoratrici

Un romanzo molto intenso questo di Lara Williams, dove - nuovamente - il padre non fa per nulla una bella figura, anzi. Non solo è totalmente assente, ma persino ambiguo e irriverente.

La protagonista Roberta, ha trent'anni ed è ormai abituata ad arrangiarsi senza  avere alcun modello maschile di riferimento. In un periodo assurdo della sua vita, durante gli anni del college dove si vede costretta a fare i conti con la propria insicurezza e depressione che la portano ad accettare relazioni morbose con gli uomini e persino uno stupro, si trova nella situazione in cui il padre, dopo aver a lungo cercato di incontrarla, non si presenta neanche al loro appuntamento.

E questo non fa che aggiungere una nuova delusione, su una quantità di delusioni accumulate nei confronti dell'ambiente maschile.

Tuttavia, in tutta questa solitudine, le altre donne, le amiche diventano sorelle con cui instaurare un rapporto di reciproco mutuo soccorso. 

Nasce così il "Supper Club", un club dove principalmente si mangia, e si mangia carne. La cosa più inquietante è che a parte la carne, cruda, tutto il resto del cibo viene estratto con dovizia dall'immondizia.

Il fatto è, sembra voler dire l'autrice nel suo libro, che dopo aver toccato il fondo, per una donna scegliere e dare per scontata la famiglia patriarcale non è poi così automatico.


Commenti

  1. Sicuramente un libro nelle mie corde. Una lettura interessante e un'analisi approfondita

    RispondiElimina
  2. Ok, belle di papà lo compro di sicuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai bene! ma si intitola Bella di Papà!! (in realtà in originale Daddy Issues

      Elimina
  3. Non leggo saggi ma il romanzo che ci hai proposto è interessante

    RispondiElimina
  4. I saggi solitamente non fanno per me ma questa proposta sembra molto interessante

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr