Passa ai contenuti principali

LE DONNE DI DRACULA E IL MITO DEL SANGUE

“Non ho saputo resistere alla tentazione di prendermi un po' gioco di lui, suppongo sia un avanzo di sapore della mela originale che ancora ci portiamo in bocca, così gli ho offerto il mio diario stenografato.”




Un classico senza tempo che, al di là del successo mediatico che dalla sua prima stesura nel 1897 l’ha visto protagonista di infiniti retelling prima in campo letterario e poi in campo cinematografico, resta per sempre la pietra miliare del romanzo gotico.  


Una lettura che mi ha raggelato, entusiasmato,  incantato, ma anche lasciato con qualche domanda esistenziale relativa al rapporto di Bram Stoker con le donne. Domande, che devo dire questa volta sono state alimentate e in parte anche risposte dalla sapiente curatela di Franco Pezzini di questa meravigliosa edizione illustrata.


Prima di addentrarmi nel tema del femminile  in “Dracula”, volevo fare una piccola precisazione. Uno degli aspetti su cui si concentra il curatore è proprio il fatto che i numerosi retelling a cui è stata sottoposta l’opera di Stoker fanno quasi perdere di vista il tema originario da cui scaturiscono tutte le variazioni. Ad esempio persino il grande King in “Danse Macabre” cambia o reinterpreta alcune scene a suo piacimento a scapito della fedeltà alla storia. Inoltre, va considerato che il libro è in realtà in se stesso una stratificazione. Stoker ha scritto e riscritto “un labirinto”, che ricapitola tutta la storia del gotico. Cerchiamo di entrarci senza pre-comprensioni, senza lo sguardo assettato di Bela Lugosi, il Val Helsing di Anthony Hopkins o gli occhi a cuore di Bella Swan (Twilight).



Durante la mia lettura posso dire che sono state due le  domande principali a risvegliare il mio interesse e di cui dunque voglio parlarvi. Ve le riporto qui di seguito: 



1. Dracula succhia il sangue solo alle donne? Quanto il mito del sangue richiama pratiche sessuali?


Ebbene sì - lo ripeto ancora una volta, ricordate che in questo mio breve scritto io mi riferisco solo al libro di Stoker e non alle rivisitazioni posteriori - , Dracula succhia il sangue solo alle donne. Il vampiro è un maschio, divoratore imperialista, con numerose spose attraverso le quali poi eventualmente estenderà il suo vampirismo agi uomini, ma mai direttamente. Alle sue spose offre in dono bambini, fagotti con dentro neonati, per tenersele buone e forse anche indirettamente mettere a tacere il loro desiderio di maternità. 

E il sangue richiama pratiche sessuali e di continuazione del ciclo della vita. Non a caso Val Helsing parla nel caso di Lucy, come vedrete il mio personaggio femminile preferito, di poligamia. Lucy è poligama perché il sangue di ben quattro uomini è confluito nelle sue vene. Renfield, il pazzo internato nell'ospedale guidato dal medico Arthur, cerca di ingerire essere viventi, incorporando la loro essenza vitale per mezzo del sangue, col fine di assicurarsi l'immortalità.


"Figuratevi che mi immaginavo che la vita fosse un'entità concreta ed eterna e che, ingerendo una gran quantità di esseri viventi, per quanto collocati in basso nella scala della creazione (es. mosche, ragni, topi), si potesse prolungare la vita all'infinito. In certi momenti l'ho creduto con tanta forza che ho cercato addirittura di impossessarmi di vite umane. "


Tutti aspetti che sottendono lo stretto legame tra sangue e vita. 



2. Guardando alle protagoniste femminili Lucy e Mina - ma anche alle spose vampire - quale tipologia di donna ci presenta Stoker nel suo immortale romanzo? e perché?



Come avrete ormai capito Lucy  - con la sua bellezza ed allegria ed ebbene sì anche per il suo lato libertino, ben tre uomini le fanno una proposta di matrimonio e a lei dispiace poter dire di sì solo ad uno di essi - è stata per me amore a prima vista. Tenete presente che è davvero giovane e bella! Ingenua, ma anche sveglia e intelligente, ha un lato dark legato al suo sonnambulismo e una sorta di fragilità quasi commovente che la fanno sin da subito la vittima perfetta del Conte Dracula. Ma non solo.

Eh no perché Lucy viene uccisa due volte, dal morso del vampiro prima, e da John, colui che doveva essere il suo futuro sposo poi. Anzi Franco Pezzino parla a proposito addirittura di “uno stupro collettivo”. Questa è la fine che deve fare la donna emancipata di fin de siecle, e lasciare il posto ad un’altro genere di donna, quello che Bram Stoker approva e che anzi rappresenta la vera protagonista del suo romanzo: Mina.

Mina è per Stoker  la donna perfetta, "quella meravigliosa donna con un cervello da uomo".  Scrive a proposito Pezzino Mina è “la Donna Nuova nel segno di un’emancipazione ‘morbida’ attraverso un’atteggiamento intraprendente nella vita quotidiana e nell’appoggio al marito: ben poco in comune dunque, con i modelli coevi di New Woman politicamente e socialmente schierati a tutela di diritti a un'effettiva parità.”




Per concludere si può dire che Stoker contrappone dinamicamente due modelli femminili, uno solare che riesce non solo a sfuggire, ma anche a sconfiggere il Male e uno tragico che vi soccombe, Mina e Lucy sono quindi nella loro interdipendenza e dicotomica contrapposizione la chiave di lettura di questa polarità tra bene e male incarnata nella tradizione vampiristica del romanzo gotico. 

Commenti

  1. Che bello questo drago! Devo ricuperarlo anche io!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo articolo che ho ketto con piacere. Dracula l'ho letto anni fa e mi è piaciuto moltissimo

    RispondiElimina
  3. Il mito di Dracula è un mito che da una parte mi affascina, dall'altro mi spaventa. Voglio leggerlo perché ho sempre apprezzato le storie di vampiri ma ho sempre paura che mi deluda. Questa edizione però invoglia parecchio

    RispondiElimina
  4. È interessante la riflessione che proponi. Ho letto Dracula che ero adolescente e tutte queste sfumature non le avevo potute cogliere. Per questo motivo, ho deciso di rileggerlo.
    Grazie per questi spunti

    RispondiElimina
  5. E decisamente devo recuperare il romanzo di Stoker e poi mi concentrerò su questo libro!

    RispondiElimina
  6. Articolo molto interessante e libro sicuramente da recuperare!

    RispondiElimina
  7. Articolo molto interessate. Sinceramente ho letto Dracula da bambina (e sì, non l'ho molto apprezzato) ma non avevo mai pensato direttamente al collegamento alla sessualità, almeno non in maniera così spicciola. C'è da dire che, forse, il richiamo al sangue è secondo me anche un richiamo al sangue mestruale, alla vita in potenza che con esso potrebbe nascere. Non so, forse sbaglio ma mi ha fatto pensare a questa cosa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr