Passa ai contenuti principali

LO STRAPPO E IL DIO DELLE PICCOLE COSE - ARUNDHATI ROY

LO STRAPPO E IL DIO DELLE PICCOLE COSE - ARUNDHATI ROY


Non potete immaginare la mia gioia nel trovare in copertina su Internazionale un articolo della mia scrittrice indiana preferita, Arundhati Roy. L’articolo parla di come il Covid-19 rappresenti  per l’India e per i paesi più poveri, in cui milioni di persone vivono in baraccopoli senza assistenza sanitaria una vera e propria catastrofe, e mi ha riportato involontariamente al suo romanzo d'esordio, uno dei libri più belli che io abbia letto negli ultimi tempi:  IL DIO DELLE PICCOLE COSE. 
L’ho scoperto trovandolo citato in un romanzo di un’altra autrice internazionale che adoro, un’autrice turca, Elif Shafak, e mi ha colpito tantissimo. Innanzitutto per i diversi livelli temporali che l’autrice indiana riesce a creare, in un rimbalzo coerente tra passato, presente e futuro, e poi per il modo in cui - quasi come nell’eterno ritorno dell’uguale tanto evocato da Nietzsche - tutte le 300 pagine del suo libro riescano a convergere intorno ad un unico giorno, un unico punto, un unico enorme strappo. 
Sì proprio uno strappo temporale, un giorno in cui cambierà tutto, un giorno che viene frammentato per tutta la narrazione del libro, che non è soltanto uno strappo provocato dal caso, ma anche profondamente necessario. 
E’ della necessità di uno strappo che l’autrice parla nell’articolo sull’emergenza Covid in India. 

IL DIO DELLE PICCOLE COSE è stato scritto nel 1997, ma sembra che più di 20 anni dopo il suo messaggio non sia cambiato molto, non solo per quanto riguarda la situazione dell’India in cui, come scrive Roy, “la vera crisi del Covid-19 deve ancora arrivare. O forse no. Non lo sappiamo.  Se e quando arriverà, possiamo essere sicuri che sarà affrontata con tutti i pregiudizi religiosi, di casta e di classe ancora al loro posto”. Qui fa in particolare riferimento alla minoranza musulmana ancora oggi accusata di spargere il virus nella società, ma soprattutto il riferimento è alla necessità di uno strappo che non sia generato dalla PAURA.
Infatti la paura, soprattutto quella irrazionale che può cogliere solo i bambini o i folli, o che rende tali appunto, la paura irrazionale che ci fa diventare pazzi quella sì che può creare uno strappo irreversibile, uno squarcio nella realtà, un unico punto capace di fagocitare tutto il resto. E’ così che succede al piccolo Estha, protagonista insieme alla sorella gemella del romanzo, che diventerà muto pur di nascondere e mettere a tacere il senso di colpa scaturito dalla paura irrazionale di essere raggiunto dall’uomo che aveva abusato di lui. 
Velutha, è invece il dio delle piccole cose, colui che è capace di gestirla questa paura e di farne un’arma, un’arma potente: la sola capace di scardinare il vincolo terribile dell’eterno ritorno dell’uguale. Purtroppo però questo dio è soltanto un paria, un intoccabile, e non ce la fa a sconfiggere il mostro della macchina del pregiudizio sotto cui soccombe, e viene ucciso in maniera bestiale portandosi con se una spirale di morte tanto fisica, come quella della bambina bionda trovata annegata, quanto interiore, come quella dei due gemelli Estha e Rahel protagonisti della storia. Tutte vittime innocenti. Troppe.
Tuttavia, l’autrice ci spera ancora, e nel suo articolo appena uscito intitolato “L’altra Pandemia” rilancia di nuovo il suo messaggio di speranza, quasi invocando di nuovo quel dio - quell’uomo o quella donna - finalmente capaci di accettare lo strappo affinché non si ripeta più l’eterno ritorno dell’ingiustizia.

Scrive infatti Arundhati Roy
“Cos’è questa cosa che ci sta capitando? E’ un virus, certo. In sé non ha nessun mandato morale. Ma è decisamente qualcosa di più di un virus. Qualcuno crede che sia il modo di dio per riportarci alla ragione. Altri che sia un complotto cinese per impadronirsi del mondo. Qualunque cosa sia, il nuovo coronavirus ha messo in ginocchio i potenti e fermato tutto il mondo come nient’altro avrebbe potuto fare.
Il nostro cervello continua a girare pensando al ritorno alla normalità cercando di cucire il futuro al passato e rifiutandosi di ammettere che c’è stato uno strappo. Ma lo strappo c’è stato. E in questa terribile disperazione, ci offre la possibilità di rivedere la macchina apocalittica che ci siamo costruiti. Nulla potrebbe essere peggio che un ritorno alla normalità.
Storicamente, le pandemie hanno sempre costretto gli esseri umani a rompere con il passato e a immaginare il loro mondo da capo. Questa non è diversa. E’ un portale, un cancello tra un mondo e l’altro, Possiamo scegliere di attraversarlo trascinandoci dietro le carcasse del nostro odio, dei nostri pregiudizi, le nostre avidità, le nostre banche dati, le nostre vecchie idee, i nostri fiumi morti e cieli fumosi. Oppure possiamo attraversarlo con un bagaglio più leggero, pronti a immaginare un mondo diverso. E a lottare per averlo.”





Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr