Passa ai contenuti principali

Cosa mi dice il mare, recensione e domanda all'autrice Lorenza Stroppa

Ho sempre collegato il concetto di madre alla terra, la Madre Terra, dal latino mater, materia, qualcosa di terreno e ctonio, contrapposto al cielo. In questo libro per la prima volta ho visto il mare nella madre, senza la “d” che ha perduto nell’acqua insieme alla millenaria dicotomia che solo la terra ha col cielo. Effettivamente nell’orizzonte marino tutto si fonde, e diventa difficile distinguere il blu del cielo da quello del mare. 






“Ci sono due parole che hanno il mare dentro, colmare e calmare. Lo sai perché?”
“Perché il mare calma l’animo e colma e riallinea lo spirito...”
E’ da un po’ che non leggevo un libro così. Così  intenso, graffiante, intimo, come piacciono a me insomma…

Ci troviamo di fronte ad un POV duplice, quasi un dialogo muto tra madre e figlio, o meglio un epistolario. Un intreccio in cui  non c’è contrapposizione, non c’è dualismo tra maschile e femminile o adulto e bambino: i generi sono fluidi non sono importanti, così come i ruoli standardizzati che perdono peso di fronte alla tragicità della vita. Ognuno consegna la sua storia all’altro senza pretese di verità assolute o assolutizzanti.

Accettare la tragicità dell’esistenza e’ la saggezza dei pescatori o dei “nerd del mare” , di chi ha imparato che  “il mare prende ma poi restituisce”, un po’ come la vita appunto. 

Questo libro parte dal mare e dalla sua saggezza, alimentato - come scrive l’autrice nel suo messaggio in bottiglia alla fine del libro (ma lo si capisce quando parla della balena ad esempio) “dalle leggende e dai lai bretoni”,  quindi e’ un inno alla possibilità di rialzarsi sempre, anzi è un’incitazione a farlo. 

Penso che oggi, più che mai, la balena nella bottiglia, che poi è l’immagine in copertina, rappresenta l’immensità di questo compito che abbiamo del doverci sempre rialzare quando la vita ci spezza. La differenza, scrive l’autrice, tra animale e uomo e’ proprio questa libertà di scegliere o di scegliersi, che a mio avviso più che una libertà e’ un dovere, come per la balena che deve ogni volta rituffarsi nella profondità degli abissi dopo aver sputato fuori il suo violento getto d’acqua. 


“Era una virgola carnosa, una pausa nella scrittura della vita, un incanto che per un attimo riempiva gli angoli, mettendo a tacere pensieri e paure.”



Breve intervista all'autrice:

Da docente liceale, e avendo a che fare con tanti adolescenti in crisi e che purtroppo sono spesso troppo vicini al tema del suicidio, vorrei  farti una sola domanda, per niente leggera, ma per me necessaria. Tra i vari temi che tratta, il tuo libro dice con forza no al suicidio, non lo condona e lo considera da un punto di vista penso molto utile per i nostri tempi. Che messaggio daresti ai giovani che ci pensano o che tentano il suicidio? 

Il primo messaggio è quello di farsi aiutare. Spesso le persone che accarezzano l'idea del suicidio si sentono incomprese e lontane da tutti, mentre invece sono loro ad avere eretto delle barriere. Basta così poco per aprire una breccia... Il secondo di tenersi stretti i ricordi felici, non per viverli con nostalgia, ma per comprendere che sono ancora possibili, che possono ricapitare. La morte non ha nulla di nobile né di romantico, è bene ricordarlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

La serie di Teresa Battaglia, una commissaria contro gli stereotipi

Mentre ce ne stiamo a rimirare i fiori, c’è qualcuno che sta attraversando l’inferno. Fiori sopra l’inferno   è il titolo del primo dei quattro libri della serie di Teresa Battaglia scritta dall’autrice friulana Ilaria Tuti e cela l’haiku del poeta giapponese Kobayashi Issa. Non scordare: noi camminiamo sopra l’inferno,  guardando i fiori. E questo qualcuno, che ha attraversato l’inferno, e’ l’assassino. O l’assassina. Sempre seriale. La capacità empatica di sentire il dolore nel male, mi ha fatto apprezzare il commissario Battaglia, anzi la commissaria, che è una donna e una madre anche senza avere figli biologici, per la sua innata compassione nei confronti della vita quando inerme.  Questa capacità che è poi la chiave della sensibilità, mette in crisi i confini classici del bene e del male, mostrando come a volte chi è carnefice è in primo luogo vittima. Vittima di violenza assistita o vissuta sin dall’infanzia. Questo non vuol dire che la violenza è giustificata, anzi, s

Fiori di Kabul, quando un fiore cresce nella polvere

  “Sei un fiore prezioso, e i fiori preziosi non possono crescere nella polvere.” La mamma lo ripete spesso a Maryam nella polverosa Kabul, mentre tutti gli altri cercano in ogni modo di non farla sbocciare. Tutti gli altri a cominciare da suo padre, che le impedisce di imparare ad andare in bicicletta, perché “è una cosa che offende l’Islam”, se ci vanno le femmine. Ma non proprio tutti, perché c’è suo fratello che è un uomo buono, come anche il suo allenatore, e la sua migliore amica, Samira. Lei è hazara e Maryam pashtun: sono entrambe due fiori bellissimi.  “Non sapevo se fossi davvero preziosa, ma mi piaceva l’idea di essere un fiore.  Magari in un’altra vita lo ero stata veramente, un fiore che cresceva là sulla montagne, era possibile, e forse era per questo che ogni giorno desideravo essere lassù.” Montagna, senso di libertà, il vento tra i capelli e Maryam che pedala verso il suo destino con il cuore che le batte all’impazzata. Oggi, per noi in Italia, o comunque in Occid

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava