Passa ai contenuti principali

L'enciclopedia degli amici immaginari, intervista a Bimba Landmann


Con i bambini ho letto ripetute volte l'albo illustrato L'enciclopedia degli amici immaginari di Bimba Landmann pubblicato da Camelozampa. E' un albo davvero particolare e io mi sono interessata e devo dire che mi ha proprio chiamata come spesso succede con i libri, proprio perchè Bianca - la mia figlia più piccola di tre anni - ha più amici immaginari e spesso le conversazioni con sua sorella Dafne e suo fratello Leone vertono intorno a questo tema. Allora ci ritroviamo a tavola e  mi accorgo che stiamo tutti parlando dei nostri amici immaginari. 


L'idea geniale di Bimba Landmann è stata non solo quella di scriverci un libro, ma di renderli proprio simbolo del processo creativo non solo dei bambini, ma in generale dell'arte. Quindi oltre al libro, potrete visitare grazie a lei anche un Museo degli amici immaginari, ma leggete l'intervista per scoprirne di più. 


1. Come è nata l’idea di un’enciclopedia  degli amici immaginari?


Avevo avuto l'embrione di questa idea 4 anni fa, poi era rimasta all'oscuro a sedimentare. Proprio in questo libro ho cercato di esplorare i luoghi della Creatività: “dove nascono le idee? Come funziona la Creazione? Come funziona il processo creativo?” Ho studiato molto questo argomento e ho scoperto che non ne sappiamo quasi nulla. Quei luoghi sono avvolti dal Mistero, sono impalpabili, sottilissimi, eppure potenti e in grado di muoverci attraverso grandi imprese.


Penso che la Creatività ci attraversi, come ci attraversa la Vita, e sono certa che tutti possiamo accedere a quei Luoghi di'Incanto e di Magia.




2. Perché ci sono anche i nemici immaginari? Si nascondono tra gli amici?


Gli amici immaginari vogliono il nostro bene, ci aiutano, ci assistono, ci incoraggiano sempre e mai ci tradiscono!

Invece i nemici immaginari no!  Succede spesso che la loro voce stridula ci ostacoli nelle nostre imprese. Anche da adulti abbiamo sempre a che fare con i nemici interiori: "non fare questa cosa...ti verrà male! Lascia perdere. Non ne sei capace. Non te lo meriti!” I nemici immaginari vanno riconosciuti come falsi amici! E soprattutto vanno tenuti a bada.







3. Il mondo degli amici immaginari e’ separato o è tra di noi?


Mondo fuori e Mondo dentro si mischiano, si alimentano, si mescolano. La Creatività non è solo un bel dono da custodire sul tavolo da disegno. E’ un modo di guardare il mondo: da sopra da sotto, dai lati, è un modo di essere diversi dalla voce del coro,  è un tocco leggero e fantasioso per risolvere i problemi. Insomma è una ricchezza per il mondo intero.

Da dentro a fuori.



4. Ci racconta qualcosa sul sito che ha creato, sul museo degli amici immaginari ? 


Mi sono chiesta: “sarà mai esistito un amico immaginario uguale a un altro?” E ho capito che no, ogni amico immaginario è la libera creazione di un bambino: il bambino crea l'aspetto, il carattere, l'interiorità, la storia del suo amico immaginario. Una vera opera d'Arte!

E così ho proposto all'Editore Camelozampa di costruire un vero Museo dove raccogliere tutti questi amici immaginari di tutto il mondo! Ogni bambino può disegnare il suo amico ( o costruirlo e poi fotografarlo) inserire una breve descrizione, il nome e caricarlo sul sito: e dopo qualche giorno apparirà nel Museo! Sono molto felice di questo progetto perché gli amici che stanno arrivando 

mi confermano l'intuizione che avevo avuto; ogni amico è mondo intero!



 

5. Quando un pupazzo di pezza, un cuscino o la classica copertina di Linus diventano amici immaginari?


Quando si è bambini, e si hanno occhi magici, visioni del mondo incantate,  e quando  nel petto batte un Cuore Creatore.


Commenti

  1. Anche io da bambina avevo un amico immaginario, con cui "ho aperto" prima un negozio di fiori e poi una mostra 😂

    RispondiElimina
  2. L'idea è davvero bella, adoro gli albi illustrati e l'argomento è dolcissimo

    RispondiElimina
  3. Non ne ho mai avuto uno ma nel mio lavoro ho conosciuto tanti bambini che lo avevano 😍

    RispondiElimina
  4. Io parlavo sempre con Giulio, il mio bambolotto ❤️

    RispondiElimina
  5. Bellissimo quello che è stato detto sui nemico immaginari. Se gli amici immaginari a un certo punto ci lasciano camminare con le nostre gambe e se ne vanno, i nemici immaginari a volte ci perseguitano fino all'età adulta

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La serie di Teresa Battaglia, una commissaria contro gli stereotipi

Mentre ce ne stiamo a rimirare i fiori, c’è qualcuno che sta attraversando l’inferno. Fiori sopra l’inferno   è il titolo del primo dei quattro libri della serie di Teresa Battaglia scritta dall’autrice friulana Ilaria Tuti e cela l’haiku del poeta giapponese Kobayashi Issa. Non scordare: noi camminiamo sopra l’inferno,  guardando i fiori. E questo qualcuno, che ha attraversato l’inferno, e’ l’assassino. O l’assassina. Sempre seriale. La capacità empatica di sentire il dolore nel male, mi ha fatto apprezzare il commissario Battaglia, anzi la commissaria, che è una donna e una madre anche senza avere figli biologici, per la sua innata compassione nei confronti della vita quando inerme.  Questa capacità che è poi la chiave della sensibilità, mette in crisi i confini classici del bene e del male, mostrando come a volte chi è carnefice è in primo luogo vittima. Vittima di violenza assistita o vissuta sin dall’infanzia. Questo non vuol dire che la violenza è giustificata, anzi, s

Fiori di Kabul, quando un fiore cresce nella polvere

  “Sei un fiore prezioso, e i fiori preziosi non possono crescere nella polvere.” La mamma lo ripete spesso a Maryam nella polverosa Kabul, mentre tutti gli altri cercano in ogni modo di non farla sbocciare. Tutti gli altri a cominciare da suo padre, che le impedisce di imparare ad andare in bicicletta, perché “è una cosa che offende l’Islam”, se ci vanno le femmine. Ma non proprio tutti, perché c’è suo fratello che è un uomo buono, come anche il suo allenatore, e la sua migliore amica, Samira. Lei è hazara e Maryam pashtun: sono entrambe due fiori bellissimi.  “Non sapevo se fossi davvero preziosa, ma mi piaceva l’idea di essere un fiore.  Magari in un’altra vita lo ero stata veramente, un fiore che cresceva là sulla montagne, era possibile, e forse era per questo che ogni giorno desideravo essere lassù.” Montagna, senso di libertà, il vento tra i capelli e Maryam che pedala verso il suo destino con il cuore che le batte all’impazzata. Oggi, per noi in Italia, o comunque in Occid

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava