Passa ai contenuti principali

Recensione di "Valdombra", con intervista all'autrice Martina Folena


Da amante della natura, ma in particolare delle api e dei fiori - per i quali, oserei dire, ho una passione pari quasi a quella per la lettura -, non potevo che restare incantata da questo libro per ragazze e ragazzi scritto dalla bravissima cantastorie Martina Folena.


Infatti, la storia di Valdombra e del drago che lì si cela, chiamato Mirabile Criptide, si svolge proprio in una valle fiorita e la protagonista, Isadora Lucerna, aiuta suo papà a fabbricare candele con la cera delle api. Il suo compito e’ innanzitutto quello di andare a recuperare la cera da Clotilde, apicultrice, che abita in cima ad una montagna disseminata di fiori.


“Margherite a perdita d’occhio che al vento ondeggiano come spuma bianca del mare, ma anche botton d’oro e violette, alti steli di lavanda che spargono nell’aria il loro profumo, cardi appuntiti e tarassaco giallo com
e il sole.”


Immaginatevi quindi un’immensa distesa di prati fioriti in cui ronzano felici le api, incastonato però tra alte montagne che oscurano il sole. L’oscurità però non è sinonimo di male e negatività, anzi è sempre la possibilità di trovare un riscatto e così di fare tornare le api, quando fuggono spaventate…


Potete immaginare quanto questa simbologia si rifletti nella situazione attuale di emergenza climatica che stiamo vivendo e quanto sempre di più siano importanti i fiori. 


La scrittura è molto fluida e avvincente e anche le illustrazioni della bravissima Greta Minardi contribuiscono a far sì che questo libro sia un autentico tesoro.




Domande a Martina Folena, autrice del libro:


1. Il libro vuole essere anche un messaggio rivolto ai giovani affinché rispettino la natura? 


Sono contenta che tu mi chieda questo, perché il rispetto per la natura è uno dei temi centrali del romanzo. Il rispetto nasce dalla comprensione di ciò che ci circonda e ritengo sia molto importante conoscere bene i ritmi del mondo naturale e come la nostra presenza sulla terra influisca su di esso. Non credo che lo scopo della letteratura sia inculcare messaggi o una morale che dir si voglia, bensì incuriosire, stimolare la riflessione e porre l'attenzione su nodi cruciali. Valdombra ha diverse chiavi di lettura, una di queste può essere sicuramente l'emergenza ambientale.


2. Cosa rappresenta per te oggi l’oscurità e quali sono le strategie che si possono mettere in campo per arginarla?


L'ignoranza e l'incapacità di comunicare sono, per me, come brancolare nel buio. Nutrire la propria anima di bellezza, di esperienze positive e di confronti costruttivi è un modo per fare luce sia dentro che fuori di noi.



3. Quanto sono importanti i fiori e le api?


Sono fondamentali per l'ecosistema del globo, e sono a grave rischio. Spero che il ruolo centrale delle api in questo libri possa incuriosire i lettori e spingerli ad approfondire l’argomento.


4. Hai un fiore preferito?

 

Sono sentimentalmente legata alla forsizia, che fiorisce solo per pochi giorni ed esattamente nel periodo del mio compleanno, il 18 marzo.





Commenti

  1. Mi piacciono molto le domande che hai posto all'autrice, brava

    RispondiElimina
  2. Adoro le storie di draghi 😍 bellissima intervista

    RispondiElimina
  3. Che bella intervista! Il tema centrale del libro poi è importantissimo e mi è piaciuto il concetto dell'autrice che dice di voler stimolare la curiosità del lettore perché sviluppi un proprio pensiero

    RispondiElimina
  4. Splendida intervista! Poni sempre delle domande interessanti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in