Passa ai contenuti principali

Mater semper certa est, ritorno all'isola delle donne



Questa locuzione latina, la cui traduzione è "la madre è sempre certa”, mi è venuta in mente mentre chiudevo il libro, accompagnate da un sorriso sinonimo della certezza circa la responsabilità del mio ruolo da mamma.


Poi ho scritto all’autrice, complimentandomi per  aver descritto in maniera così forte e profonda la maternità o meglio il maternaggio, materhood.


E lei mi ha risposto così, traduco, “in realtà sono in attesa ed e’ come se il mio io futuro mi avesse raccontato questa storia.”


Vi lascio le sue parole:


“A volte avevo l’impressione che le storie provenissero del mio io materno futuro. “


“Sono sempre stata affascinata dalla maternità, quindi è stato naturale scriverne ... Anche se inizialmente non era quello che avevo programmato. È proprio quello che è emerso nella scrittura. "


Per quanto mi riguarda la prospettiva dell’artista, in questo caso della scrittrice, come tramite di una storia archetipica, è quella che mi è più vicina, in quanto studiosa dell’estetica del periodo romantico e post-romantico.


Non è un caso che vi parli di archetipi perché la relazione madre-figlia è una delle più ancestrali e nel libro viene trattata da diversi punti di vista. 


Il libro infatti presenta diversi livelli di lettura, ad esempio l’eterno conflitto tra mondo arcaico e progresso, leggenda e progresso, mito e scienza, esplicitati nel racconto dalla fuga dall’isola rurale in cui vive la protagonista Oona, che pur approdando nella modernità non smette di trovare l’unico possibile conforto nella Natura.


L'estrema potenza della Natura indomita delle isole Irlandesi degli anni '50 del Novecento. Estrapolate dalla realtà, abitate da donne dedite alla superstizione cattolica, dove qualsiasi espressione di libertà era sinonimo di stregoneria.


Natura, che se allora era il mare, indomabile, intoccabile. Nessuno sull’isola sapeva nuotare per rispetto del mare o l’enorme balena madre di cui l’essere umano non lascia nemmeno una minuscola fibra nutrendosi del suo immenso ventre e usando il suo olio per avere luce.


Oggi, in Canada, e’ salire sugli alberi.

Cucirsi i vestiti da sola, 

Trovare in coraggio di tornare a fare l’amore.


Oona scappa sì dall’isola della sua infanzia, ma una volta arrivata nel centro del progresso, rappresentato in questo caso da Ottawa, in Canada, troverà conforto solo in riva ai grandi laghi o arrampicandosi sugli alberi.


In questo caso la maternità non è salvezza, ma una missione. Per questo torna in mente la frase da cui ho cominciato questa recensione “Mater semper certa est”. Vuol dire Stupro, tradimento, ma forse - oggi - anche libertà.


Forse, quello che ho amato di più di questo libro e’ lo spiraglio di luce, di libertà nonostante la paura che offusca tutto.


Commenti

  1. Sono venuta a leggere perché la copertina mi aveva incuriosito molto. Bella recensione

    RispondiElimina
  2. Sono venuta a leggere perché la copertina mi aveva incuriosito molto. Bella recensione

    RispondiElimina
  3. Molto interessante! Come dicevo su Instagram già l’avevo sentito in giro

    RispondiElimina
  4. Bella recensione per un libro che mi incuriosisce

    RispondiElimina
  5. Sicuramente un'analisi sentita e profonda, questa tua recensione. Inoltre bellissime le parole dell'autrice

    RispondiElimina
  6. Mai sentito questo libro, ma sembra interessante data la tematica importante che tratta!

    RispondiElimina
  7. Mi incuriosisce molto, sembra una bella lettura

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr