Passa ai contenuti principali

STORIE DI DONNE MITOLOGICHE PER BAMBINE MITICHE

 Le Muse erano figlie del re degli dei, Zeus, e di Mnemosine, la memoria. Erano le dee protettrici delle arti e della scienza, ma anche di ogni altra attività intellettuale. Il loro più grosso potere era di ispirare il canto e la poesia."



Magari per una bimba non è proprio immediato immedesimarsi in una divinità greca. Dalla bellissima Afrodite, alla temibile Artemide e ancora la vendicativa Era. Almeno secondo una certa letteratura secondaria, mi riferisco qui al Mondo Incantato di Bruno Bettelheim, le divinità restano miraggi irraggiungibili per noi esseri mortali. 


Tuttavia, se dagli psicologi junghiani abbiamo appreso l’idea che le divinità in senso lato - intese come simboli e immagini attraverso cui ci parlano i miti - rappresentano archetipi esistenziali della nostra psiche, allora possiamo ridimensionarle e trovarle addirittura negli aspetti del nostro modo di essere quotidiano.


Non a caso i miti sono presenti in tutte le culture, non a caso vengono riassorbiti nelle fiabe popolari. Non a caso, escluse le indubbie finalità propagandistiche di un certo periodo storico che ne ha abusato, il mito fa parte inevitabilmente della nostra realtà. 


A proposito, consiglio a tutte le donne mitiche (ma anche agli uomini curiosi) il libro “Le dee dentro la donna”, per capire come di volta in volta aspetti di noi stesse che prevalgono su altri in certi momenti della nostra vita siano effettivamente assimilabili a determinate divinità. 


Alle bambine e ai bambini consiglio invece questo libro STORIE DI DONNE MITOLOGICHE PER BAMBINE MITICHE. E’ davvero ben fatto e accurato! E le illustrazioni di Silvia Baroncelli sono bellissime.

 


Per la foto ho scelto lo sfondo del palazzo Liberty "Casa Galimberti" in Via Malpighi a Milano, che ritrae una musa delle arti intenta a leggere un libro.


Perché in fondo sono convinta che nella vita ci sia bisogno di ispirazione! Non trovate anche voi?


Gli antichi Greci lo sapevano bene…infatti avevano inventato non una, ma ben nove Muse. Nove bellissime sorelle, ognuna delle quali rappresentava un’arte specifica a cui i poeti e gli artisti si ispiravano e da cui traevano la loro creatività.


Quale è la Musa che ispira di più voi?


Clio, se vi piace la storia

Euterpe, se vi piace la musica

Talìa, se vi piacciono le poesie giocose e le commedie

Melpòmene, se vi piacciono le tragedie 

Tersicòre, se vi piace ballare

Eràto, se vi piace la poesia d’amore.

Plomnìa, se vi piacciono i rituali

Urània, se vi piacciono le stelle

Callìope, se vi piacciono le vicende degli eroi.



Scegliete la vostra!


Commenti

  1. Calliope visto che mi piacciono le storie, bellissima recensione di un libro assolutamente da non perdere

    RispondiElimina
  2. Mi ha sempre affascinato la mitologia greca. Il libro che ci proponi mi intriga moltissimo.

    RispondiElimina
  3. Carezzedinchiostro7 ottobre 2020 12:10

    Bellissimo ❣️Lettura ideale per mia figlia più piccola...così sbircio anch’io ��

    RispondiElimina
  4. Sono un'amante della storia e del passato. Credo che Clio sia la mia Musa ispiratrice

    RispondiElimina
  5. Tra queste probabilmente Calliope ❤️

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr