Passa ai contenuti principali

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti.
A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.”

- La regina delle Ombre

Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice.
Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE, di cui potete vedere le cover in foto.




Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti!

Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica.



1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te?
Pensi sia importante fornire i nostri giovani di modelli femminili alternativi?

La protagonista così come le ambientazioni del libro traggono ispirazione dalla mia vita reale dato che Melissa è proprio mia figlia che all'epoca della stesura del libro aveva 4 anni. l'opera stessa è nata per lei come una favola della buonanotte in cui potesse ritrovare elementi della nostra quotidianità tra cui anche Mika e Pako che sono i nostri cani. Diciamo che più passa il tempo più mi rendo conto che in maniera estremamente naturale i protagonisti dei miei libri sono sempre al femminile, non so spiegare ancora il perché in maniera razionale ma è la cosa più naturale e semplice che accade durante il corso della scrittura. Probabilmente il tutto potrebbe essere collegato anche ai valori che cerco di trasmettere con il racconto e che vorrei passassero ai giovani lettori, valori quali l'amicizia, il coraggio, lo spirito di gruppo, l'amore... quale veicolo migliore di una giovane donna coraggiosa e motivata per trasmettere questo tipo di messaggi?


2. Si può dire che ti sei isporata alla mitologia celtica? Ad esempio, mi piacerebbe sapere di più sul tema delle Rune, infatti da come ne parli si vede che conosci l'argomento. 

Sì, lo possiamo dire! Le rune sono un qualche cosa che da sempre mi ha affascinato ... durante la scrittura del libro Una mia amica mi ha fatto un regalo prezioso e inaspettato donandomi di sua spontanea volontà il suo sacchetto di rune dicendo che sentiva che dovessero arrivare a me. Il gesto mi ha talmente colpito nella sua naturalezza ma anche nella sua particolarità che alla fine sono rientrate all'interno della narrazione come strumento magico utilizzato prima da Leonard, il vecchio Tuareg e successivamente dalla stessa Melissa..  Da lì ho iniziato a studiare un po' l'argomento e conservo le mie rune come un tesoro super prezioso! 


3. Hai sempre amato il genere fantasy? Se sì, c’è un’opera in particolare a cui fai riferimento e che consiglieresti?

Il fantasy è sempre stato la mia passione in primis come lettura. Fin da piccola sentivo la necessità di leggere libri di questo genere per riuscire a saziare la fame della mia fantasia e la mia voglia di evadere. Crescendo mi sono anche dedicata ai giochi di ruolo e successivamente alla SCRITTURA, cosa che però mi è sempre sembrata immensa per me e per le mie capacità fino a che finalmente nel 2018 ci ho creduto fino in fondo e sono riuscita a pubblicare la mia prima OPERA! 

4. Nella tua dolcissima dedica mi hai scritto che l’avventura è “quasi” completa, hai in mente un seguito?

Sto lavorando al terzo capitolo della collana che dovrebbe essere l'ultimo. Non ho mai amato le collane troppo lunghe, penso che una trilogia calzi a pennello a Melissa e al Mondo Inverso. Un po' di pazienza e finalmente è tutti potremmo fare ritorno nel mondo di Melissa e Beatrix! 



Ti ringrazio tantissimo e spero di aver incuriosito le nostre amiche lettrici e lettori!

Kiki

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con