Passa ai contenuti principali

LA STORIA DEL POP-UP

Lo sapevate che i libri pop-up non nascono per far divertire i bambini ma come strumenti didattici in ambito scientifico?

Il Mare, Nuinui Books, 2020

Ebbene sì, vista la mia passione per i libri pop-up, ho pensato di documentarmi un po' indagando sul come e sul quando sono nati, sul chi li ha inventati e dove nasce questo genere di libro incredibilmente divertente e stimolante. 

Tra i vari documenti trovati sul web, mi ha colpita il riferimento alla bella mostra intitolata Pop-up show. La magia dentro i libri, curata da Massimo Missiroli nel contesto della Fiera del libro per bambini di Bologna del 2018. 
Pensate che con i suoi 130 libri in esposizione continua a girare per il mondo, fino a poco tempo fa si trovava a Shangai! 

La cosa che più mi ha colpito è che i pop-up non nascono come semplici passatempi per infanti, ma sono libri che hanno una storia piuttosto lunga; pensate che i primi libri tridimensionali o animati risalgono addirittura al Medioevo!

Certo inizialmente questo genere di libro non viene chiamato "pop-up" - termine che è un trademark registrato solo nel 1932 da una casa editrice americana, la Blue Ribbon Press -, tuttavia i libri tridimensionali esistono già da molto prima e vengono ampiamente utilizzati in ambito scientifico.
Nel XIV secolo, ad esempio, per illustrare alcuni libri anatomici viene usata la tecnica del "flap" - un'aletta di carta che, sollevata, mostra  cosa si nasconde sotto una superficie. Ma non solo, nel '500, l'astronomo tedesco Peter Apian, nel libro Cosmographia, intagliò alcune incisioni calcografiche e ne collegò le varie parti con fili sottili in modo che potessero ruotare l'una rispetto alle altre. In tal modo poteva accompagnare la spiegazione e la trasmissione delle informazioni che aveva elaborato nei suoi studi sui corpi celesti.
Ancora nel 1662 persino un uomo serio come Cartesio - il noto filosofo del “Cogito ergo sum” - pare che facesse uso di complesse tecniche cartografiche per riprodurre nella pratica i modelli teorici che aiutavano i suoi studi di geometria, matematica e fisica. 
Primi fruitori di questa raffinata cartotecnica furono quindi gli adulti, che si servirono di queste immagini in 3D come sussidi per i loro studi.


Tuttavia, per quanto affascinante possa essere questo prologo scientifico, ciò che qui ci interessa è lo sviluppo del libro animato come forma di gioco, soprattutto per l’infanzia, a partire dalla seconda metà dell'Ottocento in Europa: inizialmente in Inghilterra e in Germania.

Pinocchio, Blue Ribbon Press, 1932

La casa editrice londinese Dean & Son fu la prima casa editrice di libri animati per l’infanzia. Fra il 1860 e il 1900 pubblicò circa 50 titoli, utilizzando come tecnica privilegiata di costruzione quella del  “floating layers”. Le immagini si alzavano dallo sfondo aprendo il libro o si animavano tirando una linguetta di cartoncino collegata ai diversi livelli dell’immagine. Seguirono sempre a Londra con tecniche analoghe le produzioni della casa editrice Raphael Tuck & Sons.

In Germania, furono molti gli editori che si cimentarono nella produzione di libri animati e tridimensionali, pubblicando i libri del “genio” indiscusso Meggendorfer, ricordato per essere uno dei primi cartonisti, cioè i disegnatori di cartoni animati. Sempre in Germania va ricordata l’opera di Nister, che fu presto importata anche negli Stati Uniti. 

A proposito di Stati Uniti, nel 1932 il Publisher Weekly annunciò che per  il Natale successivo i bambini avrebbero potuto ricevere in dono un nuovo tipo di libri davvero originali!
La Blue Ribbon Press, piccola casa editrice americana, aveva infatti deciso di pubblicare dei libri  tridimensionali affidandone la progettazione e l’illustrazione a Harold B. Lentz. Il successo fu tale che dopo poche settimane il suo Pinocchio, uno di questi libri appunto, venne ristampato. Fu così che il “pop-up” - letteralmente "saltare fuori" - divenne un trademark!


Per le pubblicazioni italiane bisogna aspettare qualche anno, è negli anni '40 che esce infatti la serie “Album Rilievo” della casa editrice romana Mediterranea, stampata con la tecnica dei multiple layers. A detta di Missiroli, collezionista e padre italiano indiscusso dei libri pop-up, le produzioni italiane “che meritano maggiore attenzione sono i tre libri teatro pubblicati dalla casa editrice Ulrico Hoepli per i quali un “improvvisato” paper engineer creò complesse strutture “Carousel”.”

Ali Babà e i 40 ladroni, Hoepli, 1940


Orgoglio italiano a parte, è in ogni modo interessante osservare che i libri pop-up hanno poi invaso il mondo: uscendo dalle frontiere occidentali. Tra gli esemplari più interessanti vi sono quelli provenienti dal Cile, Sudafrica, Giappone, Israele e Iran, ognuno con la sua sensibilità culturale e portatore delle proprie tradizioni!


Cosa significa Pop-Up:

Con il termine pop-up non si individua una tecnica di costruzione, ma un libro in cui alcuni elementi dell'immagine si sollevano dalla pagina quando il libro viene aperto e creano strutture volumetriche che si ripiegano su se stesse richiudendo il libro.
Le costruzioni più semplici si ottengono tagliando e piegando direttamente il cartoncino su cui è stampata l'immagine, quelle più complesse incollando e aggiungendo elementi ai piani di sfondo.
E' necessario, perché il pop-up si sollevi, che la struttura sia collegata a due facciate adiacenti, perché è l'apertura del libro a creare l'effetto tridimensionale e, qualche volta, anche il movimento. (M. Missiroli)

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr