Passa ai contenuti principali

Splendi come vita, intervista all'autrice Mariagrazia Calandrone



Questo libro parla a tutte le donne, perché tutte le donne in un modo o nell’altro, prima ancora di essere donne sono state figlie.

Questo certo vale per tutte le persone, perché tutti in qualche modo, dal momento che veniamo al mondo siamo figli di qualcuno.

Anche e soprattutto se veniamo adottati.
Forse in questo caso siamo doppiamente figli.

Ma non voglio divagare.


Il punto per l’autrice non è affatto questo, perché benché la sua storia sia un fatto di cronaca e sia stata appunto adottata, dalle sue parole emerge chiaramente che per lei non è mai stato una questione di contrapporre la Mamma Vera a quella adottiva. Anzi.

Un amore profondo e viscerale l'ha da sempre legata alla sua mamma. Un amore indissolubile così totale e totalizzante che porta per forza ad una delusione. 

Il fatto che mi sono chiesta leggendo i libro, dove ogni pagina, anzi ogni riga regala una poesia, è quando è possibile sganciarci dal nostro ruolo di figlie?


Intervista a Mariagrazia Calandrone: 


1. Leggendo il tuo libro ho avuto la sensazione che le parole prendessero forma di immagini, rendendo corporeo il significato ( che per antonomasia non lo è). Mi ha colpito molto la frase che cito sotto. Potresti dirmi quale è secondo te il rapporto tra parola e immagine?⁣
“Con la matita non fermo le voci. La voce di Mamma, che mi orienta tra le ombre oblique della grande campagna zuccherina. Ne’ il ronzio delle api sotto la pergola. O l’odore dell’uva appena spremuta. (...) A questo servono
le nostre parole della sera, questo mondo inventato dalle origini.”⁣

La differenza tra parola e immagine è la musica. Certo, si può immaginare anche il canto di un quadro o di un disegno, ma la parola canta di per sé, la possiamo ascoltare. Con la parola possiamo suscitare canto e visione, difficilmente l'immagine si trasforma in parola: se lo fa, lo fa in chi è predisposto, sensibile o abituato alla traduzione del mondo in parole. In particolare la poesia ha la capacità di diventare tridimensionale, grazie proprio alla sua forza musicale, che evoca il mondo.
2. In quanto madre ho sempre paura di sbagliare. Ho vissuto come figlia ciò’ che tu chiami il Disamore... secondo te si può evitare nel rapporto madre figlia/ figlio o e’ in qualche modo fisiologico e parte dell’Amore?

Credo sia fisiologico, ma credo che il fatto stesso di interrogarsi sui propri errori cancelli una gran parte degli errori che faremmo spontaneamente. Il rischio è riprodurre sui figli quel che abbiamo vissuto, ma possiamo prestare attenzione agli automatismi, possiamo interrompere la catena del disamore, soprattutto comprendendo le motivazioni che hanno spinto i nostri genitori a disamarci, se lo hanno fatto.
⁣⁣
3. Come ti senti ad essere arrivata tra i 12 finalisti del premio strega?

Stupita e curiosa. Non credo che andrò oltre perché il mio libro è un'anomalia, quasi più poesia che prosa, prosa rinnovata dalla poesia e questo è un premio per la narrativa. Essere dentro lo Strega fa parte delle cose miracolose che stanno accadendo intorno a questo libro, per le quali sono continuamente grata.


Vi lascio una citazione poetica, per farvi anche capire percchè ho scelto la foto sugli scogli:


"Ma la vita ci ignora, ignora soprattutto i pregiudizi e l'ovvio. Tutto cicatrizza a nostra insaputa.
Le ferite si aprono e si chiudono come valve nel fondo del mare della dimenticanza, gli episodi sommersi lampeggiano, mentre la nostra superficie agisce, compra una giacca di vellutto liscio color granata, fa benzina.

Mentre scendiamo dall'autobus con le buste 
della spesa
il mare, sotto, muove la misura gigantesca,
manovra le sue leve nell'olio azzurro del Tempo.
E noi, in alto, splendiamo."

Commenti

  1. Lo metto subito in lista, quest’anno non ho letto nessuno dei libri candidati al premio
    Strega

    RispondiElimina
  2. Dopo questa intervista, mi hai convinto. Finisce dritto in Wish list dato che non avevo ancora deciso la mia lettura tra i candidati

    RispondiElimina
  3. Domande sempre azzeccate e interessanti 🧐🤩

    RispondiElimina
  4. Intervista molto interessante come sempre

    RispondiElimina
  5. Un'intervista che mette in risalto la sensibilità dell'autrice.😊

    RispondiElimina
  6. Un'intervista che mette in risalto la sensibilità dell'autrice.😊

    RispondiElimina
  7. Un'intervista che mette in risalto la sensibilità dell'autrice.😊

    RispondiElimina
  8. Questa intervista è interessante come sempre. Bravissima, poni delle domande mai banali

    RispondiElimina
  9. Il libro sembra interessante e l'intervista è molto bella!

    RispondiElimina
  10. Quando la gente capirà che l'istinto materno è un costrutto sociale, allora forse sarà capace di comprendere maggiormente le difficoltà di una madre e l'impotenza nel non poterne spesso parlare

    RispondiElimina
  11. Bellissima intervista e le domande sono molto interessanti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con