Passa ai contenuti principali

Di che materia sono fatti i sogni? N.S.O.E. di Vansky


Osservandoli (i bambini) si chiese quando l’innocenza si trasforma in cinismo, il momento in cui l’età dei sogni, dove tutto è possibile, lascia spazio al mondo dei grandi, fatto di impegni e convenzioni sociali.



Di che materia sono fatti i sogni?


“Sono come le stelle intimidite dalla luce della luna?”  N.S.O.E. è la storia di sette personaggi che hanno riposto le loro speranze, la loro vita nei sogni, che però non hanno ancora visto realizzarsi.


Siamo come le stelle, distanti e irraggiungibili. E con esse ci sono anche i nostri sogni.


Il viaggio e’ da sempre metafora della ricerca di qualcosa, della conoscenza perlopiù, ma anche della felicità.


Un viaggio attraverso l’America alla ricerca di una rappacificazione con se stessi e con i propri fallimenti. Ogni tappa segna una fase della vita dalla nascita, alla dispersione, all’autodistruzione e ancora alla morte e poi alla rinascita. Perché la speranza è la casa dei sogni.


Siete pronti a compiere questo viaggio ?


La lettura vi avviso non è semplice perché lo stile di @vanskywriter e’ articolato e alterna momenti di poesia ad altri più descrittivi.

Inizialmente ho fatto fatica ad entrare in sintonia con i personaggi, sono sette, e ognuno con il suo bagaglio di delusioni e rammarico.

Tuttavia devo dirvi, in tutta sincerità, che a libro finito, ancora mi mancano.



Intervista Vansky, autore di N.S.O.E. 


1. Vuoi raccontarci qualcosa di te?

 

Sono un bambino cresciuto con un grande sogno, attraverso una vita avventurosa dedicata ai viaggi e alla conoscenza, coltivando per anni la passione per la scrittura, per quel desiderio innato di riuscire a comunicare racconti ed emozioni che avevo dentro e che non riuscivo ad esprimere. Attraverso  “N.S.O.E.”, ho riportato l’attenzione su quelle voci che tutti abbiamo dentro e che ci parlano di emozioni sopite, di sogni accantonati, di desideri repressi, di gioie e sorrisi dimenticati. 

 

2. Come è nata questa storia?

 

La storia è nata da un viaggio fatto in America, che mi ha regalato molte emozioni ed ispirazione. Tutti  i posti descritti nel libro sono reali, dalle città più grandi ai centri minuscoli dispersi nel deserto, passando per le città fantasma. Da ciò è nata l’idea di scrivere un romanzo di formazione, un doppio viaggio: uno fisico compiuto da protagonisti per le strade d’America, il secondo interiore alla riscoperta dei sogni dimenticati dei partecipanti.

 

3. Quale è il tuo personaggio preferito?

 

Il mio personaggio preferito è  Amber, perché oltre la sua bellezza, la sua carica sensuale, la sua apparente superficialità nasconde un mondo interiore e un passato difficile. Inoltre spetterà a lei affrontare  la prova più dura rispetto al resto del gruppo.

 

4. Che ruolo ha l’amore nella realizzazione dei sogni?

 

L’amore in senso lato è il sogno, per eccellenza che si realizza, perché ci completa in tutto e non ci fa desiderare  nulla di più.



Commenti

  1. Una lettura da recuperare assolutamente

    RispondiElimina
  2. Una lettura da recuperare assolutamente

    RispondiElimina
  3. Una lettura da recuperare assolutamente

    RispondiElimina
  4. L'autore con la storia del suo libro è una vera rivelazione, in quanto il sogno di una vita ideale tende a venire accantonato . Lui invece porta una ventata di speranza, smuove le motivazioni interiori del lettore con magistrale conoscenza.Da questa formidabile lettura non se ne esce uguali a prima,ma con nuove intenzioni a credere di più al nostro potenziale.Grazie

    RispondiElimina
  5. L'autore con la storia del suo libro è una vera rivelazione, in quanto il sogno di una vita ideale tende a venire accantonato . Lui invece porta una ventata di speranza, smuove le motivazioni interiori del lettore con magistrale conoscenza.Da questa formidabile lettura non se ne esce uguali a prima,ma con nuove intenzioni a credere di più al nostro potenziale.Grazie

    RispondiElimina
  6. Credo sia proprio un libro interessante! Lo voglio assolutamente recuperare ✨

    RispondiElimina
  7. Davvero molto interessante! Lo leggerei volentieri.

    RispondiElimina
  8. Molto interessante il modo in cui è nata l'idea di questa storia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con