Passa ai contenuti principali

CLUB DES HASHISHINS: IL CONTE DI MONTECRISTO

Ah è l’effetto dell’hashish! Ebbene aprite le ali e libratevi nelle regioni ultraterrene; non abbiate alcun timore, vegliamo su di voi; e se le vostre ali dovessero sciogliersi al sole come quelle di Icaro siamo qui per accogliervi.”

 - A. Dumas, Il conte di Montecristo

«Non ricordare il giorno trascorso
e non perderti in lacrime sul domani che viene:
su passato e futuro non far fondamento
vivi dell'oggi e non perdere al vento la vita.»

 - ʿUmar Khayyām, Rubʿayyāt


Il Conte di Montecristo, è un libro da leggere a botte di 300 pagine, ad averci il tempo. Ovviamente non ce l’ho e ci ho messo tanto a leggerlo, ma ne vale la pena! 

Mi ha stupito che in molti - già dal titolo o perché imposto dalla scuola - pensano sia un libro sorpassato…tutt’altro, vi garantisco che è terribilmente attuale.
Anche io devo ammettere di averlo letto solo ultimamente, in età adulta.

Una delle cose che più mi ha colpito è la rilevante presenza nell'opera dell’hashish, non solo in quanto sostanza stupefacente, ma soprattutto quale veicolo di riferimento alla cultura mediorientale, in particolare persiana. ⁣
Dai riferimenti a Simba il Marinaio, al Vecchio della Montagna e ancora la fantastica e misteriosa figura della bellissima “greca” Haydée. 

Siamo nella Francia del 1800. E’ noto come Alexandre Dumas appartenesse al club parigino di mangiatori di hashish, assieme ad altri meravigliosi scrittori e poeti come Victor Hugo, Baudelaire, de Balzac. 
Non sono infatti rari gli accenni a tale pratica nella sua fantastica opera, in cui riprende più volte il discorso e in numerosi contesti. 

Oltre a sperimentarla direttamente, ai poeti maledetti e agli scrittori dell’Ottocento interessava studiarne l’effetto sulla produzione artistica. Torniamo al tema caro al Romanticismo dell’ebrezza dionisiaca e della necessità di uscire dai confini del proprio io per raggiungere la “vera arte”.

L’hashish ispirò così Honorè Daumier per le sue litografie, Baudelaire per la stesura dei Paradisi Artificiali e Rimbaud per Il Tempo degli Assassini. Secondo alcune teorie il termine "assassino" deriverebbe appunto da al-Hashīshiyyūn, cioè "coloro che sono dediti all'hashish" (che deriva a sua volta da hašīš, “erba").
Poesie, racconti e novelle che oggi vengono annoverati fra i capisaldi della letteratura francese ottocentesca, sono nate dall’effetto prodotto da tale sostanza e descrivono minuziosamente l’ebbrezza prodotta dall’hashish durante le sedute collettive.

Forse è così. Certo questo può essere un punto interessante, ma io penso che tali opere  immortali sarebbero nate comunque. Non sono medico, e la mia domanda e il mio interesse vertono su un altro aspetto. E’ solo l’hashish come sostanza a convergere nelle opere dei grandi scrittori francesi o vi è pure il forte fascino dell’Oriente che agisce come  richiamo culturale a più livelli? Mi spiego meglio le poesie degli hashishin, dei poeti arabi medievali, si ritrovano nelle opere dei nostri poeti occidentali? 

Sicuramente il tema della reclusione, della prigionia e della fuga dal carcere come rinascita innanzitutto interiore è centrale nell’opera di Dumas, almeno quanto lo è nell’opera dei poeti preislamici.

L’immaginario carcerario dell’Ottocento è oggetto del saggio di Victor Brombert, La prison romantique (1975), che mette in luce come nel Romanticismo la prigione assuma i tratti del sogno e della poesia, del ricovero delle anime travagliate; un luogo che consente al prigioniero di innalzarsi al di sopra del mondo materiale nell’aspirazione di cogliere l'assoluto. Il carcere assume quindi una funzione terapeutica e catartica. Dantès, protagonista de Il conte di Montecristo, ad esempio, conosce in prigione la rinascita e la liberazione proprio a partire dalla cella, una cella quasi monastica, occupata dall’Abate Faria, prigioniero sapiente.

Se guardiamo alla tradizione araba, vi è una lunga e antica tradizione di rielaborazione letteraria della prigionia, sviluppatasi attraverso una stratificazione di motivi e immagini ricorrenti risalenti al modello della storia coranica della detenzione di Giuseppe. La pazienza di Giuseppe nella prigione del Faraone, la sua capacità di sopportazione della prova, la sua serena accettazione del destino avverso, costituiscono un esempio da seguire nell’immaginario carcerario arabo per lunghi secoli. 

Inoltre, nella testimonianze sulla prigionia di epoca medievale, è possibile individuare una serie di tematiche ricorrenti legate all’esperienza detentiva, “topoi” che caratterizzano la forma poetica delle ḥabsiyyāt di origine persiana. Tra questi temi si possono identificare quello dell’imprigionamento come ragione di orgoglio e di onore per l’uomo ingiustamente arrestato dai suoi nemici, cui si accompagna il motivo della coraggiosa sopportazione delle sofferenze della prigionia e della fierezza nell’affrontare le avversità. Il carcere viene così rappresentato, in queste antiche testimonianze, come luogo che accoglie l’uomo nobile che soffre, proclamando la propria innocenza e cerca redenzione cercando vendetta contro coloro che l’hanno ingiustamente accusato.


In Dumas a questa ingiustizia segue la vendetta, che ha veramente poco a che fare col perdono cattolico-cristiano.

Commenti

  1. Le droghe sono sbloccanti. Sarebbero forse nate comunque certe opere... ma alcune sostanze hanno un effetto che può rilassare e quindi predisporre... o addirittura ci sono droghe che pare, appunto, sblocchino parti del cervello (con i dovuti rischi). Io assumo Cbd (sostanza legale contenuta nella canapa coltivata appositamente per rientrare in certi parametri). Nelle schede allegate a queste scatoline ci sono i vari livelli della vita e il potenziale di azione: ci sono quelle più stimolanti, quelle rilassanti. Anche perché si usa in patologie serie dove occorre non sentir dolore o, ad esempio, stimolare l'appetito. Ecc...

    RispondiElimina
  2. Credo che tutto vada contestualizzato. A mio parere non è la droga che ti fa artista ma sicumente per questi autori ha, avuto una valenza. A prescindere dagli effetti, anche per via del contesto di vita

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con