Passa ai contenuti principali

“Uno spazio senza tempo” : storia di un’adolescente, intervista all’autrice Allegra Giulia Perboni

"Senza sapere esattamente cosa andrà a fare, inconsapevole di un talento che ha radici profonde, lascia che le mani si mettano in moto mentre s’immerge in quel regno magico. Cucinare la diverte: l’attesa non le pesa, quello è uno spazio senza tempo impregnato di odore buono."




Questo libro, Uno spazio senza tempo, è uno di quelli da leggere tutto d’un fiato, almeno per quanto mi riguarda tocca tutte quelle tematiche che fanno risuonare le mie corde. E mi ricorda un pochino la mia di adolescenza, facendomi immedesimare nella protagonista. 

I forti legami famigliari, in partico
lare con i nonni paterni, un’infanzia felice forse troppo. Quasi protetta da una bolla in cui tutto va sempre bene, troppo bene. In cui c’è tantissimo amore e rispetto. E poi arriva come uno schiaffo il confronto con la realtà, quella vera, quella ad esempio di una città come Milano che, come un dito di un bambino nella bolla di sapone, fa esplodere questa parvenza di felicità.


E allora ci si ritrova ad essere adolescenti, piccole donne in cerca della propria realizzazione personale con l’abitudine e la conseguente aspettativa di trovare conferme come nell’infanzia e con la cruda realtà da affrontare che nessuno al di fuori della tua famiglia, e talvolta neppure più quella, sarà lì ad applaudirti, a sostenerti.


Certo ci sono poi le eccezioni, ma sono rare.


Questa è un po' la storia di Giada, la dolce Giada che da Cesenatico dovrà seguire i genitori e trasferirsi a Milano, appunto. Con tutto ciò che questo comporta per una ragazza alle soglie dell’adolescenza, che non ha mai dovuto confrontarsi con qualcosa di diverso da sè.


E allora  diviene inevitabile l’incontro, anzi lo scontro, contro la dura realtà milanese prima e londinese poi dove vige la legge del più forte e dove non c’è pietà per l’ingenuità.


Ma la cosa che più mi è piaciuta di questa protagonista femminile alla ricerca di se stessa attraverso la sua adolescenza, attraverso il distacco dalla famiglia comunque allo sbaraglio (il nonno muore, i genitori si stanno separando), attraverso le sue storie d’amore, è proprio la sua ingenuità e il fatto che nonostante tutte le batoste questa ingenuità lei  non la perde e non tradisce mai se stessa.



Il romanzo di Allegra Giulia Perboni mi è piaciuto molto, come avrete senz’altro capito dalle mie considerazioni, e mi complimento con l’autrice a cui vorrei porre alcune domande.



Intervista all’autrice Allegra Giulia Perboni




1. Puoi raccontarci qualcosa di te e di come è nata questa storia. In particolare se c’è una parte di verità e quindi autobiografica?


Nata e cresciuta a Milano, dopo la laurea in Scienze Umanistiche per la Comunicazione ho iniziato la mia avventura all’estero. Ho studiato in California e successivamente ho lavorato in Norvegia e Repubblica Ceca prima di approdare in Svizzera, dove attualmente vivo con mio marito e il mio adorato gatto Chagall.

“Uno spazio senza tempo” è una storia che ho avuto l’urgenza di mettere nero su bianco durante una lontana vacanza in Grecia. Ricordo di aver iniziato a scrivere su un piccolo quaderno, che ancora conservo, e di averlo riempito in fretta, senza nemmeno rendermene conto. Da dove sia nata resta per me ancora un mistero, perché non si tratta di un romanzo autobiografico. Sicuramente c’era tanta voglia di dare una voce alle emozioni e alle difficoltà che i giovani oggi affrontano e di trasmettere un messaggio positivo, un incoraggiamento a non smettere mai di credere ai propri sogni. 


2Nel romanzo viene trattato il difficile tema del bullismo femminile che solitamente è verbale e comunque avviene per vie traverse e non così tanto fisiche come in quello maschile, ma non per questo è meno grave. 

Con il tuo libro che messaggio vorresti dare alle ragazze vittime di bullismo?


Chi subisce gravi atti di bullismo difficilmente potrà dimenticare: le ferite al corpo e all’anima richiedono anni per rimarginarsi e le vittime necessitano di terapia e assistenza per molto tempo, per potersi un giorno riappropriare della propria vita. Alcune lettrici mi hanno voluto raccontare personalmente le loro esperienze e le loro battaglie, sono onorata del fatto che abbiano voluto condividere qualcosa di tanto profondo e privato con me. Le loro testimonianze mi hanno ancora una volta confermato che agire tempestivamente è la chiave per liberarsi del bullismo prima che ci rovini la vita. Se si è vittima di bullismo bisogna lasciare da parte i sensi di colpa e la vergogna e correre a farsi aiutare dalle famiglie e dalla scuola. Ricordiamoci che chi bullizza è in primis qualcuno che ha bisogno di aiuto, non è qualcuno da temere, ma è qualcuno da fermare perché non danneggi noi e gli altri. 


3Ho molto apprezzato l’affrancarsi della protagonista da un certo tipo di relazione di coppia volta a definire la donna come moglie e madre. Si potrebbe parlare a proposito di femminismo secondo te?


La protagonista del romanzo non solo rifugge dai modelli che hai giustamente evidenziato, ma si impegna e lotta per dare concretezza ad un sogno che la porterà a muoversi in un ambiente che, nel 2020, è ancora prevalentemente maschile. Figlia di una famiglia dove le etichette di moglie e madre non hanno fatto altro che sgretolare una realtà precaria, Giada è indubbiamente portatrice di un messaggio di parità di genere, perché le possibilità e i sogni devono poter essere gli stessi per uomini e donne, nel 2020. 


4Prevedi un seguito per la storia di Giada?


Ci sono dei personaggi a cui sono molto legata che potrebbero avere ancora qualcosa da dire ma di fatto non ho ancora deciso, probabilmente lascerò scegliere ai personaggi stessi.

Commenti

  1. Hai ragione, potrebbe piacermi molto. Mi ha ricordato uno dei miei film del cuore: il capolavoro Caterina va in città. Bellissima proposta!

    RispondiElimina
  2. Un Libro che sicuramente mette in risalto la forza femminile! Ottima intervista come sempre 🤗

    RispondiElimina
  3. Un libro super interessante e anche l’intervista fa trasparire molti punti super positivi della personalità del autrice e di come ha creato questo libro 🥰

    RispondiElimina
  4. Bellissima intervista! Il libro non lo avevo mai sentito ma sembra veramente interessante!

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questo libro! Bella come intervista

    RispondiElimina
  6. Bella intervista, libro interessante ☺️

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con