Passa ai contenuti principali

Ipazia, il seme del dubbio

 Alessandria d’Egitto 415 d. C.


Due forze che si scontrano: politeismo e monoteismo o meglio gli “elleni" - conosciuti in senso dispregiativo come pagani - e i cristiani.

Anzi , ancora meglio, inizio con l’imperatore Teodosio dell’unificazione dell’Impero romano sotto il credo cristiano.

Fine del politeismo, fine della libertà di culto, distruzione di antichi templi, statue, oggetti sacri con l’accusa di falsi idoli. Idolatria, iconoclastia.


Religioni che un tempo potevano convivere pacificamente, ellenismo, cristianesimo, ebraismo, ora non lo possono più.

L’Impero romano si sgretola sotto la pressione esterna dei popoli barbari.

Solo la religione può tenere unito il popolo, solo la paura nei confronti di un nemico comune.


Ipazia, scienziata e filosofa neoplatonica, non si schiera con l’una o l’altra religione, ma con la libertà dì’’espressione che è poi anche libertà di culto. Solo così si può sconfiggere la paura: attraverso la conoscenza della realtà che ci circonda.

La scienza è conoscenza e non è nemica di nessuna religione. Questo lo insegnava già Plotino nelle Enneadi.


“I nostri déi sono espressione della vita che pulsa nel sole, nelle stelle, nel cielo, negli alberi, nei ruscelli: cercare di capire i misteri del sole, delle stelle e della vita che pulsa in essi è un atto d’amore verso i nostri déi. Studiare la vita vuol dire amarla”


D’altra parte Amborgio, vescovo di Milano, Agostino, e poi Cirillo colui che la condannò a morte per tortura, pensano che solo facendo in modo che il popolo creda in qualcosa di “più alto” si possa sconfiggere, insieme, il nemico.

Ed è presto fatto, l’uomo, il maschio deve essere controllato.


E come ? 


Screditando la donna. Perché la forza della ribellione, è ancora più forte quando e’ donna. 

Cosa significa sennò il mito di Adamo ed Eva?


Secoli e secoli di cristianesimo, a partire da S. Ambrogio, S. Agostino e Teodosio hanno avvilito la figura femminile.

La donna è impura, la donna è immonda

e il desiderio sessuale e’ altrettanto putrido.

Ottimo modo per controllare l’uomo.


“Mentre voi ora dovete renderla simbolo del male: ed ecco lì, tra le gambe della donna avete cominciato a disegnare un nido d’immondizia! Sapete perfettamente quale forza scorre nel sangue dell’uomo, quale tempesta: e voi afferrate quella forza, la dominate, ve ne impadronite, ne fate un simbolo del male e l’evento più bello - l’amore che fa proseguire la vita - voi lo sporcate! Per controllare l’uomo, state riducendo ad un sacco d’immondizia la donna!”


Ipazia, insegnava a dubitare e questo e’ il seme di ogni ribellione che possa germogliare nonostante qualsiasi forma di oppressione. 


Questo per me è il messaggio profondo di questo meraviglioso libro.



Per un approcio anche visuale consiglio questo breve video e il film Agorà del 2009 diretto da Alejandro Amenábar, interpretato da Rachel Weisz.

Commenti

  1. Che donna meravigliosa è stata ❤️ finalmente si sta parlando molto di più di figure come la sua

    RispondiElimina
  2. Una lettura davvero emozionante sicuramente

    RispondiElimina
  3. Sicuramente una lettura straordinaria che parl, di una donna forte,

    RispondiElimina
  4. Questo libro sembra molto particolare, poi questi personaggi sono sempre interessanti da leggere!

    RispondiElimina
  5. Non ne avevo mai sentito parlare, mi segno subito il titolo!

    RispondiElimina
  6. Questo personaggio mi ha sempre affasciato molto, ma non ho mai avuto modo di approfondirlo. Mi segno subito il titolo di libro e film per rimediare il prima possibile!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con