Passa ai contenuti principali

Il femminismo come stile di vita, Il libro di Itziar Ziga

Il femminismo e’ uno stile di vita.

Che lo si voglia o no.

Che lo si scelga o no

Esiste, 

E ha cambiato la storia.


Il femminismo e’ uno stile di vita.

Che lo vogliamo o no

Che lo scegliamo o no.

Almeno adesso abbiamo una scelta.


A perenne ricordo che ci sono anche uomini buoni.













Mi ha ispirato questi versi la giornalista transfemminista Itziar Ziga. Nel suo libro dedicato a sua madre "La felice e violenta vita di Maribel Ziga", l'autrice tratta l’importanza storica del femminismo in maniera molto personale, come via d’uscita dallo “stato di minorità” a cui sono  da sempre relegate le donne nella nostra società dominata da ciò che ella definisce il “vampirismo patriarcale”. 


Il patriarcato, dunque, inteso come sistematica sottomissione della donna a partire dal Medioevo e dalle caccia alle "streghe" bruciate al rogo. 


"Noi donne siamo cresciute per secoli in un mondo costruito contro di noi, soprattutto da quando bruciarono le nostre sorelle sui roghi della cristianità. Quel femminicidio fondativo che fu la caccia alle streghe creò nelle nostre comunità la frattura necessaria a strapparci il potere sociale e sessuale e sottomettere il popolo. Ma della nostra stupidità e convinto solo il patriarcato, nessuna di noi accetta davvero di essere sottomessa, semmai lo sopportiamo."


Mi ha colpito la sua ironia, schiettezza e leggerezza nell’affrontare temi brutali come violenza e abusi, vissuti oltretutto dall’autrice in prima persona da bambina nella forma della violenza assistita.


Forse nel finale risulta un pochino ripetitivo, ma resta comunque un libro che consiglio per una panoramica sulla condizione della donna nel Novecento e di come il femminismo abbia cambiato la storia.


Ovvero come l’unione tra donne, la sorellanza, abbia reso possibile e ancora continua a rendere possibile un “futuro” diverso  per la convivenza tra generi. Dove non è contemplata e accettabile alcuna violenza.



Dove l'unione fa la forza, e insieme si dice no.

Anche se si ama il proprio carnefice, oppure proprio perchè lo si ama.



“La Santa Inquisizione Femminicida non fu una bestia sanguinaria e piromane, sapeva molto bene quello che faceva. Per sottometterci, cercarono di impedire che ci difendessimo tra di noi. Qualsiasi riunione fra vicine era sospettata di essere un akelarre, un sabba. Conoscono e temono la forza che abbiamo quando siamo unite (…).”





Per finire, una curiosità sul murale degli Otrica Noodels che vedete qui in foto dedicato alle donne che hanno fatto grande il Novecento. Tra Liliana Segre e Alda Merini si trova  l'articolo 18 della Convenzione di Vienna del 1993 che cita:


"I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile, integrale e indivisibile dei diritti umani universali. La piena ed eguale partecipazione delle donne nella vita politica, civile, economica, sociale, culturale, a livello nazionale, regionale e internazionale e lo sradicamento di tutte le forme di discriminazione sessuale, sono obiettivi prioritari della comunità internazionale.

La violenza di genere e tutte le forme di molestia e sfruttamento sessuale, incluse quelle derivanti da pregiudizi culturali e da traffici internazionali, sono incompatibili con la dignità e il valore della persona umana e devono essere eliminate. Questo obiettivo può essere conseguito attraverso strumenti legislativi e attraverso un'azione nazionale e una cooperazione internazionale in campi come lo sviluppo economico e sociale, l'educazione, la tutela della maternità e della salute, i servizi sociali.

I diritti umani delle donne dovrebbero costituire parte integrante delle attività delle Nazioni Unite nel campo dei diritti umani, inclusa la promozione di tutti gli strumenti sui diritti umani riguardanti le donne.

La Conferenza Mondiale sui diritti umani sollecita i governi, le istituzioni, le organizzazioni intergovernative e non-governative a intensificare i loro sforzi per la protezione dei diritti umani delle donne e delle bambine"

Lo riporto per intero, perchè il fatto che nel 1993 fosse ancora necessario ribadire che anche le donne debbano costituire parte integrante nel campo dei diritti umani è a mio avviso perlomeno rilevante.









Commenti

  1. Bellissimo questo articolo 🤩 il femminismo é un tema che mi sta molto a cuore!!

    RispondiElimina
  2. Sai quanto io tenga alla diffusione del pensiero femminista e alle letture a tema. Per cui ben vengano parole come le tue e scelte di libri in sintonia con questo pensiero

    RispondiElimina
  3. Spesso ci si dimentica che i diritti delle donne sono diritti umani

    RispondiElimina
  4. Un articolo molto, molto interessante. Complimenti

    RispondiElimina
  5. Bellissimo articolo su un tema che mi sta tanto a cuore. Bravissima

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con