Passa ai contenuti principali

L'Invito: intervista all'autore Marco Rassu

“Il mare e la lontananza da tutto ti danno l’occasione di guardarti dentro e non lasciano spazio a quelle sovrastrutture che affossano il tuo io più vero in un buco nero così profondo dal quale difficilmente lo si potrà recuperare.” 



Quella sera si realizzò un sogno; due amici, il surf, un tramonto indonesiano e due birre fresche. Sembra quasi banale ma vi assicuro che non lo fu per nulla. Il sole si ritira velocemente ma quei minuti, nella nostra mente, restano infiniti.”








Oggi più che un libro, vi presento un invito nella forma di libro, nel caso specifico di un kindle, il mio, in riva al mare.


“Un invito a saltare nel vuoto, a tuffarsi nel mare aperto, senza la paura della caduta, trasformando le vertigini in estasi, perché la qualità e l’intensità delle nostre esperienze compensa la brevità dell’esistenza.” Come scrive Alexia Clorinda nella Prefazione.


Un invito, quello dell’autore, a pensare con la propria testa, prima di tutto. Marco Rassu, trattando temi molto generali, come il tempo, l’ambizione, la paura della morte, la necessità di trovare un realizzazione nel lavoro e nella vita, e cercando un possibile significato nel confronto tra diverse culture, non fa altro che spronare i lettore a dire la propria.


E in questo caso, secondo me, dire la propria viene a coincidere con la libera espressione di se stessi, dei propri contenuti e perché no, sembra dirci l’autore, anche attraverso la scrittura. Infatti non è per niente un caso che Marco abbia non solo fondato una piccola casa editrice la  42book, ma anche un corso professionale a 360° sull’auto editoria.


Voglio anche aggiungere che il testo di Marco, il suo manifesto è davvero molto scorrevole e piacevole come lettura!





Intervista a Marco Rassu



1. Vuoi raccontarci qualcosa di te?


Ingegnere, imprenditore, autore, surfista... solo etichette! Alla fine Marco è semplicemente "uno dei tanti" che si pone le domande "di tutti" e che tira le somme in base al suo vissuto e alla sua realtà.

Ultimo step (per adesso): dieci anni in Africa nera che mi hanno fatto riscoprire il potere della semplicità e apprezzare l'estrema profondità/ricchezza dietro i piccoli gesti... banali routine... sorrisi e silenzi.



2. Come è nata questa storia? E’ effettivamente autobiografica come sembra leggendola?


Questa breve storia nasce dalla voglia di raccontarmi e di estraniare piccole grandi riflessioni provenienti dalla mia visione delle cose. L'invito, l'incontro di personaggi volutamente stereotipati è solo uno stratagemma per dare voce ai miei pensieri e insinuare nella testa del lettore input che rendano meno banali i "comuni luoghi comuni"!

Ogni flashback autobiografico è vero al 100%.



3. Quale è il messaggio che vorresti dare ai lettori con il tuo libro?


Non c'è presunzione di saccenza dietro un testo così leggero che è ben lontano dal volere filosofeggiare in maniera complessa. Credo che dietro alla retorica, dietro i pensieri populisti così come dietro i proverbi si nascondano le grandi verità. L'uomo ha la capacità di rendere complesso ciò che non lo è. Così facendo certi concetti non diventano accessibili alla massa che li perde. Ma poi arriva qualcuno che ci dice "be water my friend" e in quattro parole ci dà una lezione immensa di vita. 

I personaggi del libro esprimono opinioni volutamente scontate perché quello serve al racconto per provocare il lettore a dare la sua.

Invito tutti a scoprirsi, a guardarsi dentro, a rituffarsi anche loro nel passato per poi tornare al presente e riflettere... così come ho fatto io... uno di voi, uno dei tanti.


4. Considerata la tua esperienza nel self publishing e la tua attività a tutto campo nel campo dell’editoria,  che consiglio daresti a chi vuole pubblicare un libro?


Consiglierei di auto pubblicarsi evitando di incrementare il giro d'affari delle grandi case editrici, qualora esse fossero disposte a collaborare. Consiglierei di essere se stessi senza provare a dare un'impronta più vendibile al libro... sì insomma... a renderlo più commerciale!

Lo stile è importante ed un libro beh, è ANCHE un esercizio letterario, ma deve essere soprattutto anima, emozione, verità, sostanza. Qualcuno diceva: "scrivi da ubriaco e correggi da sobrio!”


5. Puoi dirci qualcosa di più sul tuo corso?


Il corso, Revo Book Master, che più che un corso è un percorso, nasce dalla voglia comune mia e di Pietro Cappelli di opporsi ai sempre più frequenti formatori che spacciano il self publishing per un semplice business profittevole online da utilizzare alla ricerca di lucro. Insieme decidiamo di creare il primo vero corso di auto editoria in Italia e, per farlo, coinvolgiamo anche altri professionisti del settore, così da poter chiudere il cerchio sull'intero processo di pubblicazione di un libro. 


Oggi Revo Book Master scende in campo con un team solido di persone preparate esperte di editoria, design, branding, marketing, copywriting e perfino un coach certificato a livello internazionale che aiuterà gli studenti a scovare nicchie di scrittura a loro affini e in linea con le loro vere attitudini. Si tratta di un per-corso con oltre 180 lezioni professionali tenute dai membri del team che guideranno passo dopo passo gli aspiranti self publishers a comprendere appieno tutte le strategie e le tecniche utilizzate dalle più grandi case editrici. 


Insomma con l'auto editoria impariamo a volare da soli e perché no... a guadagnare con la nostra passione!

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con