Passa ai contenuti principali

I RICORDI (NON) FANNO RUMORE: INTERVISTA A CARMEN LATERZA

Care lettrici e lettori,


oggi vi propongo un'intervista a un'autrice esordiente che ha scritto un libro molto intenso ambientato nella seconda guerra mondiale.



Questa e’ una storia di donne. Anzi del passaggio di testimone di madre in figlia. Quanto e’ importante secondo te nella vita di una donna il rapporto con la madre?


E' fondamentale! Che lo vogliamo o no, facciamo tutte riferimento a nostra madre o - in generale - alla figura che ci ha fatto da madre. Quando siamo giovani spesso non ce ne rendiamo conto o forse perfino vorremmo segnare una distanza da nostra madre; ma crescendo ci rendiamo conto che la sua figura ci ha formato più di quanto immaginiamo e che a quella figura facciamo sempre riferimento, a volte inconsapevolmente, più di quanto vorremmo ammettere. 
E questo è dolorosamente ancora più vero quando la figura della madre manca, viene rifiutata o viene meno, perché il rapporto con la figura materna è inevitabile. Anche nell'assenza.
 

Per parlare della guerra hai avuto modo di parlare con le nostre nonne e con persone che l’hanno vissuta?
C’è una parte di verità nel tuo romanzo?

Nel corso degli anni ho avuto modo di ascoltare i racconti del periodo di guerra da parte dei miei nonni ma anche di altri "nonni". Mio nonno, per esempio, era arruolato in Marina ed è stato fatto prigioniero e deportato in Germania. Ma quando ascoltavo i loro racconti ero ancora una ragazzina e non ho raccolto le loro testimonianze in modo sistematico: ascoltavo come si fa con le storie che raccontano gli anziani, come storie d'altri tempi, un po' vere e un po' leggenda.
Tuttavia, quando ho cominciato a scrivere questo libro i ricordi di tutti quei racconti sono tornati a galla spontaneamente nella mia memoria e poi hanno trovato conferma nelle ricerche storiografiche che ho fatto. Così oggi posso dire che tutto quello che è raccontato nel libro è vero, nel senso che gli eventi ufficiali della Storia che vengono citati (battaglie, bombardamenti, schieramenti) sono realmente accaduti, e tutto ciò che riguarda la vita quotidiana accadeva davvero nelle famiglie degli anni Quaranta.
Per questo, la conferma più apprezzata per me viene proprio dalle persone anziane che hanno vissuto quel periodo e che dopo aver letto il libro mi dicono: "E' accaduto anche a me!" o "Era proprio così!".


E’ cambiata secondo te la condizione della donna oggi, i suoi valori, le sue battaglie?

Sì, certamente. 
Il percorso verso l'emancipazione e la parità è ancora lungo e impervio, ma sarebbe sbagliato negare (o rinnegare) quanta strada è già stata fatta.
Noi stesse godiamo dei risultati raggiunti dalle donne che ci hanno preceduto, e saremmo davvero ingrate a non riconoscerlo.
Anzi, il rischio è proprio quello di dare per scontato il punto in cui siamo e quindi abbassare la guardia.
E invece non bisogna adagiarsi sulle conquiste ottenute dalle nostre madri, ma prendere spunto da loro per continuare a lottare con la loro stessa energia affinché le nostre figlie arrivino ancora più in là.


Quanto è importante combattere per le proprie idee?

E' fondamentale lottare per realizzare i propri sogni. Non farsi scoraggiare da chi ci dice che sono folli o irraggiungibili per noi.
Una vita in cui ci adagiamo e ci accontentiamo per paura di rischiare è una vita destinata all'incompiutezza e quindi all'infelicità.

Se parliamo di idee, invece, preferisco non pensare a una contrapposizione netta che ci mette l'uno di fronte all'altro come nemici che devono combattere. Io ho diritto di esprimere le mie idee nella stessa misura in cui tu hai diritto di esprimere le tue. Ma la soluzione migliore spesso sta al di là delle trincee in cui ci asserragliamo, in un terreno di ascolto reciproco e accoglienza, dove il meglio delle mie idee si mescola al meglio delle tue.

Commenti

  1. Bellissima intervista, concordo su molti punti. Brava

    RispondiElimina
  2. Come sempre bellissima intervista. Oltretutto condivido il suo pensiero di lottare fino all'ultimo per i propri sogni

    RispondiElimina
  3. Domande molto intelligenti e per nulla scontate. Questa intervista mi è piaciuta davvero.

    RispondiElimina
  4. Le parole dell’autrice sono molto forti e importanti. Condivido il suo pensiero riguardo la gratitudine che dovremmo mostrare per quelle donne che ci hanno precedute e hanno reso possibile essere quelle che siamo oggi.
    Mai smettere di lottate per i propri sogni. Qualunque essi siano.
    Una bellissima intervista e un libro davvero interessante.

    RispondiElimina
  5. I ricordi non fanno rumore sarà la mia prossima lettura, non vedo l'ora di iniziarlo! Bellissima intervista, complimenti❤Sono sicura che questo libro non deluderà le mie aspettative.

    RispondiElimina
  6. Intervista molto interessante. In particolar modo ho trovato davvero puntuale la riflessione circa i sogni e le idee.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr