Passa ai contenuti principali

LE IMPERCETTIBILI SFUMATURE DELL’AMORE: SAURA, LE STANZE DEL CUORE.



Insieme a lei faceva bolle di sapone e intanto cantava quella 
canzone del vento che ti culla tra braccia d’amore, 
mentre il vento - evocato dalla canzone - 
sollevava nell’aria le bolle vestite d’arcobaleno.
- Saura. le stanze del cuore, T. Ranno


Il volto con cui si presenta l’Altro -assolutamente altro- non nega il Medesimo, 
non gli fa violenza come l’opinione o l’autorità o il sovrannaturale taumaturgico. 
Resta a misura di chi accoglie, resta terrestre. 
Questa presentazione è la non-violenza per eccellenza, 
infatti invece di ledere la mia libertà la chiama alla responsabilità e la instaura. 
Non-violenza, mantiene però la pluralità del Medesimo e dell’Altro. È pace
- Totalità e Infinito. Saggio sull’Esteriorità,  E. Lévinas




Si possono amare gli altri se non si ama se stessi? Si possono capire gli altri se prima non si ha capito se stessi? Si possono accettare gli altri se prima non si ha accettato se stessi?

Prima di parlare di amore da una parte e di diversità dall’altra, e soprattutto prima di parlare di queste due cose insieme, bisogna innanzitutto ricordare che noi per primi siamo un insieme di  diverse componenti, un intreccio di aspetti diversi di uno stesso io che concorrono a costituire la nostra personalità.
Soprattutto se guardiamo alle nostre emozioni -che sono riposte nel cuore - si può effettivamente pensare ad un agglomerato infinito di stanze che si riversano l’una nell’altra, ospitando amici, amori, amanti, ma anche tanti dispiaceri.

Il libro Saura. Le stanze del cuore, mi sembra in questo senso rappresentativo per parlare di amore e diversità, poiché parte dalle fondamenta stessa della possibilità di questo amore. Solo accettando il nostro essere in relazione con gli altri prima ancora di essere noi stessi accetteremo il nostro mondo. 
La metafora della casa del cuore che presenta una stanza per ciascun tipo di emozione senza tralasciare né l’odio né l’allegria, né la vergogna né la leggerezza, ci fa capire quanto sia complicato il nostro cuore. Una stanza per ogni parte di noi. O meglio per ogni relazione che intessiamo con le persone che ci circondano.

Solo conoscendo queste stanze e andando a fondo di ciò ci fa stare bene, ma anche di ciò che ci fa stare male, possiamo aprire il nostro cuore agli altri.
Con spennellate fatte del tessuto del sogno, ma anche dell’incubo, l’autrice Tea Ranno ci porta tra le stanze del cuore della giovane adolescente protagonista della storia: Saura, “nata da un compromesso”, un mix tra i due nomi preferiti dai suoi genitori “Laura “ e “Sara”.
Alcune stanze sono rosse, altre azzurre e zuccherine, altre invece sono nere e oscure, ma solo attraversando gli abissi del suo Io, Saura potrà finalmente accettare di amare gli altri, ma questo vuol anche dire che può farlo perché  ha accettato di amare se stessa.

La paura dell’abbandono, l’incapacità di accettare il ‘tradimento’ che come spiega la tata-strega è costitutivo dell’essere umano, la paura che l’amore non verrà corrisposto fanno credere a Saura che “l’amore è un filo spinato che ti imprigiona e ti rende schiava dagli altri”. Questo succede quando si impone un’etichetta all’amore, quando non si accettano i modi diversi di amare, per esempio quello di una madre che ha un lavoro importante e che si arrabatta per riuscire a fare il suo lavoro e anche la mamma, oppure quello delle tate - che, è vero sono pagate, ma non per questo non ti vogliono bene - e ancora quello incondizionato della zia preferita che muore, ma non per tradirti, ma perché con la morte non si può scendere a patti. Quando però si capisce che l’amore è qualcosa di più di uno standard da rispettare, allora questo amore ti libera.



Come Saura anche noi troppo spesso ci chiudiamo in noi stessi e odiamo gli altri perché rappresentano la diversità - solo e innanzitutto per il semplice fatto che sono altro da noi -,  che ci fa paura, che vogliamo tenere lontano in quanto non capiamo, ma in questo modo la paura diventa solo più grande. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr