Passa ai contenuti principali

Sembrava bellezza, e forse lo era

Bam, bam, bam quando un libro bussa prepotentemente alle porte dell’inconscio collettivo.



E parlando di se’ la scrittrice parla anche di te,
o almeno di me. 

Questo perché esiste una ragazza trasversale. Un’idea di ragazza che abbiamo rappresentato tutte.  L’esclusa, brutta, deforme, grassa, cattiva, lesa, quella facile (e non peggio: la puttana). L'eterna adolescente.

E sono una che non ama le autobiografie, ma in questo caso (a parte il fatto che questo libro mi ha chiamata insistentemente) sono costretta a ricredermi. Anche perché, forse, non lo è.
Semplicemente perchè non può esistere una storia personale, di una sola donna, che non appartenga in qualche modo anche alle altre.

Quindi continua fusione tra l'Io e il Tu.
Il sospetto che l'Io sia migliore del Tu. Sospetto evidentemente infondato, così come la sottile differenza tra intelligenza e stupidità, bene e male, vero e falso.
Vanificazione di ogni dualismo.


Quando e’ che l’intelligenza diventa cattiveria, secondo voi? Si possono effettivamente confondere i due termini? Io penso di sì.

Ma forse perché sono cattiva.
Cattiva come te, protagonista (ti chiamerò Teresa). O come Livia? O Federica?
“Barlume di cattiveria, la tua cattiveria era mascherata da bontà.”

Nel senso che c’è continuamente questa equazione: intelligenza sta a cattiveria come ritardo mentale/ stupidità sta a bontà. Teresa contro Livia. Teresa contro Livia e Federica, Teresa contro tutti.
Ma tale equazione viene continuamente analizzata, dilaniata, dissezionata, ribaltata, capovolta, alterata, annichilita.

Nel senso che tu lettore, o meglio io lettrice, alla fine dubito pure della mia di cattiveria, o intelligenza, o stupidità.

E forse auspico un’occasione di espiazione. Quanto e’ potente questa parola? ‘Espiazione’
Senz’altro ti fa sentire meno sola.

Fino alla svolta. Una domanda persistente, da pagina 164 ( più o meno): “dove e’ finita Federica?”

Sovrapposizione di vittima e carnefice. 
Come solo può esserlo una madre.


"Se da sola sono stata una persona terrorizzata, da madre no.
 Lasciatemi ovunque, di fianco a mia figlia addormentata e non arriverà nessuno."




Commenti

  1. Ma che articolo super interessante e ben scritto, complimenti

    RispondiElimina
  2. Pensa che anche io, non leggo molto le biografie; invece mi hai fatto ricredere con le tue parole su questo libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non è per niente un autobiografia, però questa cosa contribuisce molto a creare l'inganno letterario che mi ha così intrigato circo il tema della soggettività della verità.

      Elimina
  3. Sembra un bellissimo libro in cui il lettore può riconoscervi sè stesso!

    RispondiElimina
  4. I libri che mi fanno dubitare pure dell'aria che respiro sono tra i miei preferiti

    RispondiElimina
  5. Ho sentito parlare molto di questo libro, ma non mi sono mai soffermata a guardare di preciso di cosa trattasse. Questo tuo post però mi ha incuriosito molto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con