Passa ai contenuti principali

Leggere per leggere, recensione e intervista a Rachele Bindi



Leggere per leggere e’ un libro che sostiene con fermezza la necessità non tanto di leggere, ma di leggere libri di qualità. E questo vale a tutte le età. Infatti parte dal presupposto secondo il quale non basta che i ragazzi leggano, ma che leggano libri “selezionati”.


Neanche per i giovani può e deve valere la frase “basta che leggano”, come invece spesso avviene quando si propongono a questa fascia d’età, così importante per la formazione di un individuo, libri e saghe ad alta leggibilità, banalizzanti e con personaggi stereotipati. 


La parola d’ordine dunque è “selezione” come afferma l’Associazione Hamelin facendo riferimento già a Franz Kafka, il quale, in una lettera a Oskar Pollak del 1904, scrive della necessità che i libri siano per chi li legge come un pugno in testa.


“Bisognerebbe leggere, credo, soltanto i libri che mordono e pungono. Se il libro che leggiamo non ci sveglia con un pugno sul cranio, a che serve leggerlo?”


Libri che abbiano una forza scardinante dunque. E non centra col genere preferito. Infatti i libri consigliati spaziano dal fantasy alle graphic novel, di cui tra altro si possono trovare alcune bellissime tavole, al thriller e così via. 


Il filo conduttore? E’ la figura dell’eroe. Perché l’adolescenza è un’età eroica, un’età di passaggio, celebrata in tantissime culture con riti appositi e dimostrazioni di forza sia fisica sia morale. 


E perché no, viene celebrata anche nei libri. A proposito, Rachele Bindi individua quattordici figure eroiche corrispondenti a certe specifiche tipologie di libri. 


Queste figure hanno un polo positivo e uno negativo e possono sempre modificarsi o sconfinare le une nelle altre in base a ciò che generano nella psiche del lettore. 




Domande a Rachele Bindi co-autrice del libro e libroterapeuta:



1. Puoi raccontarci qualcosa di più sulla libroterapia? 


Potrei parlarne per ore e per migliaia di battute, ma in sintesi la libroterapia è una metodologia di utilizzo del libro di narrativa che porta il lettore a conoscersi meglio, possiamo dire ad imparare a leggersi e quindi promuove l’individuazione, la crescita personale ed il benessere psicologico. Il mio riferimento teorico è la psicologia analitica, che vede come unica possibilità di felicità per l’individuo il riuscire ad avere un buon rapporto con il proprio daimon, quell’istanza interiore che ci spinge a diventare noi stessi.


2. Come è nato questo libro? E la collaborazione con l’Associazione Hamelin?


L’idea del libro è stata di Luigi Spagnol, che conoscendo me ed il lavoro di Hamelin ha pensato a Leggere per Leggere e ne ha posto in essere il primo seme. Io conoscevo già l’associazione per aver collaborato insieme ad alcuni progetti con il Cepell, hai presente quando incontri persone con cui c’è affinità? Ecco, è successo da subito, veniamo da mondi diversi ma abbiamo molto in comune e riusciamo a dialogare in modo sempre fecondo.


3. Cosa consiglieresti a chi ha a che fare con ragazzi che

non vogliono leggere? Come invogliarli alla lettura?


Spesso ci si dimentica il motivo per cui il lettore forte legge, che è il piacere. E per far provare piacere nella lettura non basta dire “Leggi!”, non basta dire che fa bene, che è utile o importante. Dobbiamo capire cosa piace davvero alla persona che abbiamo davanti, riuscire a far “assaggiare” letture diverse per capirne i gusti e per avvicinare alla lettura. Detto ciò conta l’esempio, conta il modo in cui si parla di libri e di storie con quella persona, trasmettere la “lettoritudine” non è sempre facilissimo, a volte ci dobbiamo ingegnare in modi diversi e creativi.


4. Quali sono, sempre pensando in un’ottica di educazione alla lettura per preadolescenti e adolescenti,  i libri assolutamente da non leggere ?


Non esiste secondo me un elenco dei libri “inutili” o da evitare, nella molteplicità delle proposte c’è la possibilità di trovare il libro giusto per quella ragazza o quel ragazzo che sembra non appassionarsi a niente. Se penso a me come lettrice, mai accetterei di dover evitare un testo, ognuno deve poter scegliere liberamente. Noi abbiamo selezionato i testi anche in base all’esperienza estetica che offrono al lettore, nella convinzione che un libro bello invogli a leggerne ancora, ma non vieterei mai un libro, anche brutto, ad una ragazza o ad un ragazzo che lo abbia scelto da solo. Magari potrei provare a consigliare cosa leggere dopo…

Commenti

  1. Le tue interviste sono sempre molto interessanti!

    RispondiElimina
  2. Questa intervista è stata molto interessante. Condivido la maggior parte delle vostre idee

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con