Passa ai contenuti principali

L'avventura più bella?! E' quella che facciamo insieme


Siete pronte e pronti per la prossima avventura?


Non te la possono raccontare,

Non la puoi leggere,

Ma la devi vivere!


Perché no? prendendo spunto dai libri, almeno noi facciamo così !

E voi?!


Oltre alla cariola, ecco come siamo equipaggiati:


Come funziona? Le avventure sono numerate e possono essere scelte a piacimento in base ai propri gusti quando più si ha voglia di farle. Si tratta di esplorare, divertirsi, avere coraggio  e perchè no anche fare delle figuracce. Perchè l'obiettivo finale è ridere il più possibile!
La cosa che ci ha più colpito è la parte dedicata ai grandi del passato sempre preceduta dalla dicitura "hic sunt leones", "qui ci sono i leoni" frase latina che veniva scritta sulle antiche carte geografiche nelle zone ancora da esplorare.

Un esempio? Nell'avventura dedicata all'immancabile "battaglia coi gavettoni" per un'estate che dir si voglia, viene citata quella fatta a Pisa tra due università: la Normale e Sant'Anna.

La mia avventura preferita? Quella che invita a "guardare il mondo a testa in giù" ebbene sì si tratta infatti di un modo perfetto per ampliare il proprio punto di vista e imparare a vedere le cose in maniera differente. Tra i grandi citati, compare il meraviglioso Marc Chagall, pittore russo tra le cui opere spicca appunto un autoritratto intitiolato "L'uomo con la testa rovesciata". 





Due graphic novel di grande bellezza della linea Renoir Kids Comics adatte alle più piccoline e ai più piccolini!
I protagonisti sono un simpatico cagnolino e uno scoiattolo capaci di volare nel tempo grazie al loro areoplano fatto con gli scatoloni di cartone. 
La meta è qui la preistoria in cui farannno e ci faranno fare conoscenza dei dinosauri. La striscia di fumetto in bianco e nero viene sovrapposta a stupende illustrazioni a colori brillanti che rendono nel dettaglio la natura e l'ambientazione preistorica.

Lo stesso vale anche per la piccola storia della foresta, in cui i protagonisti sono gli animali del bosco come volpi, tassi, uccellini, orsi e tanto altro nella loro quotidianità.







Squisitamente inquietante, con Bethany una protagonista al femminile meravigliosa, questo libro per ragazze e ragazzi amplifica ancora di più la voglia di avventura e di mistero. Infatti Ebenezer Tweezer,  un affascinante giovanotto di soli 511 anni, e  la sua Bestia, un blob grigio famelico, mettono davvero in crisi i confini abituali tra bene e male. E non so a voi, ma a me da piccola, i cattivi mi stavano sempre un pò simpatici...




Commenti

  1. Ho adorato Bethany e la bestia. Divertente, colto e pedagogico nello stesso tempo

    RispondiElimina
  2. Titoli molto interessanti, conoscevo già solo Bethany e la bestia

    RispondiElimina
  3. Ma è carinissimo e sembra stra divertente 😂 i tuoi figli poi sono una meraviglia ❤️

    RispondiElimina
  4. Sembrano tutti e tre carinissimi! Amo i libri per l'infanzia!

    RispondiElimina
  5. Che bel post! Tra i titoli che hai menzionato conosco solo "Bethany e la Bestia", ma vado subito a dare un'occhiata anche agli altri!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr