Passa ai contenuti principali

Cinquanta modi per dire pioggia


Ma quella notte, mentre se ne stava nel suo letto, Nori sentì che le braci non volevano saperne di spegnersi. La sentiva bruciare nelle viscere, diffondendosi fino alla punta delle dita, alla cima della testa, alla pianta dei piedi. Ricordava quella sensazione. Indomita. Volubile. Pericolosa.

La speranza.”



A cosa serve la bellezza se non ti senti bella? Se tutta la vita ti hanno fatto credere di essere un “orribile orco impossibile da mostrare alla luce del sole”?



Kyoto 1942.

Kyoto e’ sempre Kyoto.

Anche se la lasci per tanti anni e poi ci ritorni vent’anni dopo.


Inizio questo libro di esordio di Asha Lemmie con altissime aspettative, e sin dalle prime pagine mi assale un’indignazione indicibile nei confronti della chiusura del Giappone postbellico. Un nervoso nei confronti della tradizione, della nonna di sangue reale, delle geishe, dei giardini zen perfetti.


E io, amo il Giappone e la sua tradizione millenaria.


La chiusura mentale a scapito della diversità, però, non la posso tollerare. Fa male, non importa dove viene perpetuata.


Il fatto è , e questo diviene palese procedendo con la lettura, che questa chiusura non è una caratteristica giapponese, ovviamente si estende in maniera tentacolare su tutto il mondo. Facce diverse, stessa mentalità.


Anzi, nell’Inghilterra degli anni ‘50 la diversità sembra essere accettata e invece viene giudicata, non solo emarginata o soppressa.

Ed e’ ancora peggio, perché si insinua un giudizio di merito per tutto ciò che è “normale”.


E non è normale essere una donna, bastarda, orientale con la pelle scura e orfana, giusto? 

Come Nori, Noriko, l’eroina romantica di questo libro. 


Questo libro parla a tutte le donne, alla nostra infinita capacità di amare e alla difficoltà di amare in primo luogo noi stesse; al dolore legato all’amore quando si è costrette a fare delle scelte. 


E la scelta e’ spesso imprescindibile, quando si parla di amare qualcuno più della propria vita.

Alla fine infatti non sempre si riesce a corrispondere al proprio amore perché essendo così esclusivo e unico, implica sempre il lasciare fuori qualcuno o qualcosa.



Ma quando capisci quale è il tuo Sole, tutto il resto diviene sacrificabile.

Anche se,come dice il poeta, e’ la pioggia che si può dire in cinquanta modi diversi.




“Sento che questa vita è

Piena di dolore e insopportabile

Ma non posso fuggire 

Perché non sono un uccello.”


Ma 

Forse posso essere un uccello.

Commenti

  1. Sai quanto io apprezzi i libri che parlano di donne ❤️ me lo segno

    RispondiElimina
  2. Ho sentito molto dolore nelle tue parole e penso tu abbia ragione: la tradizione non dovrebbe prevalere sulla diversità, non è giusto e penso sia contrario all'idea di progresso

    RispondiElimina
  3. Articolo molto profondo e che parla di un argomento importante e purtroppo ancora attuale per molti versi. Bella foto e libro che incuriosisce

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto la tua recensione, lo metto in lista

    RispondiElimina
  5. Foto azzeccatissima! Apprezzo la tematica, l’ambientazione da quel plus in più 😉

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con