Passa ai contenuti principali

IL VIAGGIO DI HALLA

“Ma Uggi era sconcertato e le disse che le signore-drago, che erano comunque rare, stavano a casa a guardia del tesoro. Ora, questa è un’antica falsa credenza dragonesca dal momento che, in realtà, le signore-drago sono molto più feroci di chiunque altro, soprattutto quando hanno un nido pieno di uova. E, sebbene sia sempre negato, è noto che le signore-drago abbiano ucciso e mangiato altri draghi e, ciò che è peggio, preso i loro tesori.”










Perché sono di spalle?


L’autrice volente o nolente non tanto, o meglio non solo, attraverso lo svolgersi della narrazione, ma forse ancor più nello stile stesso della narrazione, lascia aperto un quesito che in realtà è una voragine.


Questa favola magica fitta di colpi di scena, capace di tenere insieme antiche leggende nordiche e il mondo fantasy, ciela una forte critica femminista che rispecchia l’animo e l’impegno in questo senso dell’autrice. 

Naomi Mitchison, infatti, ci lascia una protagonista senza volto.


E’ vero che nel complesso i personaggi non sono definiti e descritti nel dettaglio né dal punto di vista esteriore né interiore. 


Tuttavia, dopo pagine di avventure che coinvolgono Halla, la protagonista, ne sappiamo quanto all’inizio, cioè non sappiamo nulla. Che aspetto ha Halla? E’ alta, magra, bella, brutta? Come è il suo volto? Nulla, un grande vuoto.


Un grande vuoto, un incognita che rispecchia la scelta della protagonista di non essere né madre né moglie e di trovare comunque la sua collocazione nel mondo in quanto donna. In quanto essere umano.


Ma in fondo questo vuoto lascia aperta una domanda come un urlo “Che cosa è la donna se non è madre e/o moglie?” Anche le signore-drago, di cui si sa ben poco, sono definite attraverso il loro essere madri, la loro ferocia è data dalla necessità di proteggere le uova e i cuccioli.


Ma Halla, di cui conosciamo tutta la sua storia esteriore, resta indefinita.

Certo è stata salvata dalla sua tata-orso e cresciuta dagli orsi prima e dai draghi poi. Draghi che l’hanno resa ignifuga, le hanno insegnato piccole magie e a parlare con gli animali, ha fatto un patto con Odino, ma lei chi  è ? 


Forse una strega o forse una santa. 

O forse semplicemente una ragazza che preferisce farsi i fatti suoi.


Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ho fatto un casino con i commenti come il mio solito! Comunque dicevo. Ottimi spunti di riflessione. Forse Hala è, molto complessamente come sempre lo siamo, una donna! ❤️

    RispondiElimina
  3. Ho trovato nel complesso molto interessante questo libro, anche se non sempre ho condiviso le scelte narrative dell'autrice. Ne verrebbe fuori una bella discussione

    RispondiElimina
  4. Una scelta che apprezzo. Per una volta la sostanza ha dato spazio all'apparenza

    RispondiElimina
  5. Libro stupendo presumo e foto meravigliosa

    RispondiElimina
  6. Io vorrei leggerlo, ma dalle varie recensioni ed anche dalla tua mi fa un pochino paura!

    RispondiElimina
  7. È un libro che ho sentito molto in giro, ma non mi ispira molto e non credo lo recupererò mai🥺

    RispondiElimina
  8. All'inizio come libro mi incuriosiva, ma sto leggendo sempre più opinioni negative o dettagli che mi fermano dal leggerlo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con