Passa ai contenuti principali

I tuoi sogni sono stelle, intervista a Sara Franci




Quando guardate le stelle cadenti esprimete un desiderio?⁣
Una delle cose più belle che ho imparato dalle fiabe, in questo caso da Cenerentola, e’ che i sogni sono desideri di felicità. E quindi sì, i sogni sono stelle e ogni bambino ne dovrebbe avere a migliaia quante sono le stelle nel cielo.⁣
Questo albo illustrato e’ un inno coloratissimo a credere nei propri sogni, attraverso un’alternanza armonica di immagini e parole.⁣
Posso fare un’unica osservazione, oltretutto attenzione perché proviene da Dafne, relativa a un’incongruenza nel testo.⁣ Ad esempio tra i sogni relativi a cosa si vuole fare da grandi  una bimba nella giungla e’ accompagnata dal seguente testo “ farò l’esploratore”, Dafne si è stupita molto dicendomi: “ma non è un’esploratrice?”⁣
Questa cosa mi ha colpita e volevo chiedere all’autrice Sara Franci se è voluto, magari mostrando nello iato tra immagine e parole la parità di genere o se è stato un impedimento della lingua italiana, o entrambe le cose! Ed ecco qui la sua risposta:


"I tuoi sogni sono stelle" ha un testo tutto in rima al quale ho cercato di adattare, tavola per tavola, soggetti di ogni tipo, proprio per trasmettere inclusione e sopperire a quelle che possono essere le limitazioni della lingua italiana."

Dalla sua super risposta ci siamo confrontate ed è nata l'intervista che potete leggere qui!
Intervista a Sara Franci:


1. Vuoi raccontarci qualcosa di te?


Sono nata a Firenze dove vivo e lavoro. Laureata in Comunicazione e pallavolista per oltre 20 anni, oggi mi divido tra l’attività di autrice e illustratrice e la mia famiglia. Sono mamma di due bambine, Luna di tre anni e mezzo e Gaia di un mese e mezzo. Fin da bambina scrivo storie e disegno e adesso, dopo molti anni di doppi lavori, sono riuscita a fare dell’arte la mia unica professione. Inoltre da un anno faccio laboratori e workshop nelle scuole (infanzia e primarie) attualmente li sto facendo online in collaborazione con Pacini e Samsung.


2. Come è nata l’idea della storia?


Ho realizzato “I tuoi sogni sono stelle” subito dopo la pubblicazione del mio primo libro (“Piccolo Buio” - Pacini Editore) che è stato citato in mondo visione dalla Apple durante il Keynote a Ottobre 2018. In seguito a quella esperienza incredibile sono riuscita piano piano a fare dell’arte la mia professione e nella mia mente è nato il progetto di questo mio secondo libro, con cui voglio incoraggiare piccoli e grandi a inseguire sempre i sogni, a non mollare e a non avere pregiudizi, poichè se davvero ci crediamo tutto diventa possibile!



3. Quanto e’ importante l’inclusione e come la trasmetti nei tuoi lavori? 


Nei miei libri e nelle mie tavole amo affrontare temi socialmente importanti come appunto l’inclusione, i sogni, le paure, le insicurezze e le emozioni. Il tema dell’inclusione è uno dei cardini del mio lavoro, su tutti i livelli. Nelle mie tavole infatti potete vedere persone e bambini di tutti i “tipi, colori e forme”, spesso rappresentati con un grande sorriso e le braccia aperte verso il mondo.





Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con