Passa ai contenuti principali

BIOGRAFIE ILLUSTRATE: David Bowie, contro gli stereotipi di genere nell'apprendimento



Nelle ricerche svolte in Italia a partire dal lavoro di Irene Biemmi sulla presenza di stereotipi di genere nei libri di testo scolastici destinati alla scuola primaria è evidente come, nonostante lo svilupparsi di una consapevolezza circa l’importanza dell’editoria scolastica nel lavoro di prevenzione delle disuguaglianze e della violenza di genere, sia ancora molto lunga la strada da percorrere. 

Già dal 2000 l’Italia ha aderito al codice europeo POLITE  (Pari Opportunità nei Libri di TEsto), ad oggi l’esperienza di ricerca e di intervento per la parità di genere nel sistema formativo più capillare realizzata nel nostro paese, tuttavia nei libri di testo lo spazio concesso ai due generi e il modo in cui vengono rappresentati è evidentemente sbilanciato. Mentre il genere maschile è molto più presente tanto nella parte scritta quanto nelle immagini che la accompagnano nel ruolo di protagonista, il genere femminile è spesso secondario. 

Inoltre, in tali testi, il genere maschile è più avventuroso e si muove maggiormente in spazi aperti rispetto alle genere femminile.


Sebbene il tema circa le disuguaglianze di genere sia in realtà molto più vasto, ciò di cui voglio parlare oggi è che non vi sono nei libri di testo riferimenti a figure femminili importanti del passato e del presente. Quanto possa essere importante nell’educazione delle bambine la biografia delle grandi donne rappresenta uno stimolo evidente. Leggere storie su donne che hanno rivoluzionato i campi scientifici e culturali in cui si sono applicate permette infatti una forte spinta all’identificazione. E come si sa l’imitazione e l’emulazione di un modello in cui è possibile identificarsi è uno dei meccanismi primari di funzionamento dell’apprendimento.

Mentre dunque nella pubblicazione dei testi scolastici tale aspetto passi in sordina, l’editoria in generale sembra aver fatto passi da gigante in questa direzione presentando bestseller - penso ad esempio alla fortunata collana dedicata alle storie sulle Bambine Ribelli - e collezioni economiche  facilmente reperibili anche in edicola sulla vita e le opere di donne che hanno fatto la storia.


Tra i libri che mi sento di segnalare per la bellezza e le serietà di contenuti vi è la serie delle biografie illustrate della casa editrice Armando Curcio, come ad esempio quella su Margarita Hack o la nostra immensa Rita Levi Montalcini.* 

Tuttavia ne servono di più, certo.






Ma forse, ciò che davvero serve, non è solo la presenza di modelli alternativi di femminilità per le nostre bimbe e ragazze, ma anche per i loro coetanei maschi. 

A mio avviso, già dire che una scienziata sia un modello alterativo di donna è fuorviante, così come dire che si è davanti a storie di donne “ribelli” quando una donna prende il suo giusto posto nella società. Anche se è vero che in passato la donna diversamente dall’uomo, per ottenere risultati e accedere ad esempio alla carriera accademica, ha dovuto lottare e ribellarsi ai dettami di una società patriarcale.



Una riflessione importante che mi sovviene a proposito è la seguente. Mentre almeno, come si è visto, nel campo degli albi illustrati vi è una forte intenzione a veicolare alle bambine e alle ragazze un messaggio forte di riscatto e affrancamento da secoli di storia femminile passata, i coetanei maschi sembrano lasciati del tutto in balia di modelli stereotipati di figure maschili “in carriera”. 

Innanzitutto le biografie illustrate sulle grandi donne del passato possono e anzi devono essere lette anche dai bambini e dai ragazzi, non solo per una maggiore consapevolezza e conoscenza, ma anche per combattere alcune credenze legate ai ruoli di genere purtroppo ancora presenti nella nostra società.


In secondo luogo, anche ai bambini potrebbero essere proposti “modelli alternativi” di mascolinità, come ad esempio - e perché no - l’iconico cantautore David Bowie, che ha saputo seguire e realizzare i propri sogni a discapito di tutto e tutti. 

Incoraggiando con il suo stile inimitabile e la sua musica tutti i suoi fan - e indirettamente tutto il mondo, perché alla fine è riuscito ad arrivare  nelle case di tutti - a essere se stessi. 


Per finire, tornando al tema iniziale dell’editoria scolastica, penso che oltre ad inserire nei testi scolastici figure femminili che hanno fatto la storia, forse varrebbe la pena ampliare anche la gamma di modelli maschili proposti, includendo senz’altro personaggi anticonformisti come David Bowie, ma anche come Mahatma Gandhi e Van Gogh e tanti alti, chissà mai che tra i vari vantaggi non si riesca ad avere come conseguenza anche un numero più elevato di maestri maschi all’interno del sistema di riferimento scolastico. Così, come lo si auspica, altrettante donne scienziate. 



*Per tutti i titolo del catalogo Curcio vi ricordo il codice sconto BOOKITA20 del 20%.


Commenti

  1. Articolo molto interessante, mi trovi in accordo

    RispondiElimina
  2. Un articolo è una riflessione molto interessante ☺️
    Sono pienamente d’accordo con il tuo punto di vista 💕

    RispondiElimina
  3. Libri davvero tutti interessanti e frizzanti per molti versi! Sono d’accordo con il tuo pensiero ✨

    RispondiElimina
  4. Condivido pienamente le tue riflessioni

    RispondiElimina
  5. Sono tutti libri bellissimi! Mi piacciono molto e li leggerei volentieri, inoltre le tue riflessioni sono molto valide!

    RispondiElimina
  6. Assolutamente d'accordo con la tua riflessione. Tutto dipende dal l'educazione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con