Passa ai contenuti principali

"Alice nel Paese delle Meraviglie": breve storia delle sue illustrazioni

"A che serve un libro senza figure?”

- Lewis Carroll


Non c’è cosa più bella, penso, che introdurre con “Alice nel paese delle meraviglie” la mia nuova rubrica #leggerealcontrario dedicata ai libri illustrati!


Di cosa si tratta? Vi parlerò delle immagini nei libri per bambini a partire dalle mie ricerche in campo di cultura visuale e letteratura dell’infanzia. 



Perchè per me leggere al contrario significa 

girare il libro per mostrare ai bimbi e alle bimbi le figure,

indica che non per forza bisogna cominciare dall’inizio,

che le immagini non rispecchiano sempre e solo il testo, 

che vi  possono essere molteplici interpretazioni, 

e sprona a varcare la soglia dell’invisibile nascosto in tutto ciò che abbiamo davanti agli occhi.



Ed ecco perchè mi sento di cominciare proprio da Alice... La storia delle illustrazioni del capolavoro di Carroll e’ tanto lunga quanto illustre.

Qui vi presento una piccola scelta tra gli artisti che piu’ mi hanno colpito e le novità in libreria!


Partiamo dall’inizio, il primo illustratore di Alice fu Carroll stesso, ebbene sì scrisse questa storia in una notte e poi la corredò di illustrazioni fatte di suo pugno. Poi il testimone passò a Tenniel. Interessante e’ che a Carroll non piacque per nulla, sebbene la sua rappresentazione e’ quella a noi più nota grazie anche a Disney che l’ha riproposta tale e quale nella versione animata.



“Il signor Tenniel" scrive Carroll nel 1862, "è il solo artista che abbia disegnato per me, ad essersi risolutamente rifiutato di servirsi di un modello e ad aver dichiarato di non aver più bisogno di un modello di quanto io abbia bisogno di una tavola pitagorica per risolvere un problema matematico. Io mi arrischio a pensare che abbia commesso un errore e che, per la mancanza di un modello molti dei suoi ritratti di Alice siano assolutamente sproporzionati; la testa decisamente troppo grossa e i piedi decisamente troppo piccoli.” 






Queste prime raffigurazioni, altamente figurative, lasciano piano piano il posto ad altre più astratte come nel caso delle opere di Salvador Dali’ e Yayoi Kusama.


Se si guarda ad esempio al Bianconiglio si vede come, nell’opera di Kusama, non resti che il buco della sua tana come varco verso il paese delle meraviglie ...


Oppure del Cappellaio Matto non resta che il cappello, o del bruco una manciata di funghi psichedelici.


Nel caso di Dali’ invece con il suo tratto surrealista indistinguibile restiamo tra il sogno e la veglia incapaci di aprire gli occhi e svegliarci.


Qualcosa di analogo succede anche per gli altri personaggi  importanti con cui si confronta Alice nel suo viaggio alla ricerca di se stessa. 


Nella versione di Alice nel Paese delle Meraviglie di Enzo Venezia edito da Edizioni Piuma,  fresca di stampa, abbiamo a che fare con un albo illustrato vero e proprio dove le immagini e il testo procedono di pari passo integrandosi a vicenda.


I colori sono abbaglianti e fannoda contrasto alle forme molto ben delineate e geometriche, lasciandoci di fronte ad una visione di Alice, che ha già attraversato lo specchio, molto razionale.


Il suo viaggio metaforico verso la maturità e’ un viaggio verso la consapevolezza e la razionalità.






Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo libro ha segnato la mia vita. Per me è un libro che non può mai mancare ovunque io vada ❤️

    RispondiElimina
  3. Adoro i libri illustrati. Questo è uno dei miei preferiti

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia questo libro illustrato!

    RispondiElimina
  5. Delle illustrazioni molto particolari 🤩

    RispondiElimina
  6. Questo è uno di quei libri classici che devo assolutamente recuperare quest’anno, infatti mi sono già comprata il libro 🥰✨

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con