Passa ai contenuti principali

Le anime di Leggendra, intervista all'autrice Melania Fusconi




1. La protagonista del tuo romanzo Le anime di Leggendra. I cimeli ancestrali è una giovane ragazza di nome Alhena. Il fatto che il personaggio principale sia femminile è importante per te?



È importantissimo! Ho scelto un personaggio femminile perché credo fermamente che le donne abbiano una grandissima forza interiore. La mia Alhena rappresenta tutta la determinazione che possiede una giovane donna, è in quell’età in cui è pronta a spiccare il volo verso la propria strada che la porterà a diventare una grande donna.



2. Alhena, sin dalle prime pagine, si ribella al ruolo assegnatole dalla società del Villaggio Celato in cui vive. Un ruolo strettamente legato al genere, per cui in quanto donna è giusto per lei fare determinate cose piuttosto che altre.

Quando hai creato la tua protagonista avevi in mente dei valori specifici da trasmettere alle tue lettrici e ai tuoi lettori?



Come ho risposto poco fa, volevo che chi leggesse sapesse che comunque e sempre siamo noi stesse/i a decidere chi vogliamo diventare. Volevo mostrare loro che lungo la strada della vita si può sbagliare e cercare di rimediare pur rimanendo comunque coerenti con il proprio Io interiore. Dentro ognuno di noi si nasconde una forza invisibile che se usata nel modo giusto può distruggere moltissime barriere, come il “non si può”, “non ce la farai mai”, “rischierai per cosa”… Io non sono qui a voler insegnare la vita a nessuno, voglio solo dimostrare che il “si può”, “provaci e ce la farai”, “rischia per non avere rimpianti” esiste, e si trova proprio dentro di noi. Ovvio è che esiste il giusto e sbagliato, ma mai rinunciare ai propri sogni perché quello è peccato.



3. Rimanendo in tema del femminile, nel tuo romanzo quanto è importante il rapporto con la madre?


Alhena è orfana ed è cresciuta con il tutore, Mastro Haber, il quale è restio a parlare di sua madre. L’unica cosa che sa Alhena di lei è che ha dato la sua vita per portarla al Villaggio Celato e che le ultime sue parole la volevano lontano dalla guerra che impervia su Leggendra tra l’Impero e il Regno di Lilium. Ma Alhena sente dentro di sé di avere lo spirito combattivo che aveva avuto la madre, così continua ad avere il desiderio di diventare un soldato, e quando verrà a conoscenza della verità sulla madre, quel desiderio si tramuterà in determinazione. È perciò grazie a ciò che era stata sua madre che in Alhena esplode la forza di voler proseguire per la strada scelta.



4. Domanda #mythdetctive: Il genere fantasy è notoriamente impastato da antichi miti e

leggende che spesso utilizzano un linguaggio simbolico. 

Quanto sono importanti i simboli nel tuo romanzo? Puoi farcene qualche esempio? Io

penso ad esempio al Portale… 



Ma, io vedo i simboli come una conseguenza della “magia”, sono per me la rappresentazione visiva, il segno che ci fa capire dove c’è magia. Il Portale è la rappresentazione del fatto che la magia della barriera invisibile è malleabile, che si può toccare e modificare. Il potere del Portale è estraneo al potere della barriera magica, in quanto è stato creato da un Gifter dopo la comparsa della barriera stessa. La barriera invece è un altro tipo di magia, ma non posso rivelarvi cosa sia, non ancora almeno. Gli stessi simboli sul braccio di Alhena andranno a creare qualcosa che non posso ancora rivelare! Una magia, nella magia, nella magia insomma. Ah ah ah!!! 




5. Quali sono gli autori che più hanno influenzato il tuo

romanzo?


I primi libri che lessi e che ricordano il genere fantasy, me li regalò mio marito poco tempo dopo che lo conobbi. Erano di Italo Calvino: “Il visconte dimezzato”, “Il barone rampante” e “Il cavaliere inesistente”, bellissimi tutti e tre, ma il Cavaliere inesistente rimane il mio preferito. Amo “La Storia infinita” di Michael Ende. Ho avuto il periodo della scrittrice italiana Licia Troisi, devo dire che lei mi ha ispirata molto, se non ricordo male fu dopo che lessi i suoi libri che ripresi in mano la storia di Alhena. Di recente poi ho letto anche la saga di G.R.R. Martin, “Game of Throns”. Ho letto anche molti fumetti da ragazzina: “Sailor Moon” è stato il primo e ha un posto speciale nel mio cuore. Poi ho letto molti altri fumetti, qualcuno anche dell’artista Americano “Michael Turner”, come “Fathom” e “Soulfire”. Adoravo i suoi disegni, e infatti anche la copertina è una mia creazione. L’ho disegnato io perché nel tempo libero sono anche illustratrice.


Commenti

  1. Ciao, bellissima intervista complimenti.
    mi sono unita ai lettori fissi, spero passerai da me a visitare il mio blogghino. Anche io ho una sezione dedicata ai libri per bambini...
    Buona serata, Ale!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr