Passa ai contenuti principali

LA BAMBINA CHE AVEVA PAROLE, intervista all'autrice Maria Grazia Anatra

"...e la regina pensa la giostra di legno e la giostra fa girare i bambini dalle guance rosse che ridono al freddo autunno."


In questi giorni ho fatto tanti post su libri di Natale con i miei bimbi felici che leggono.

Ma, proprio in questi giorni credo che il pensiero debba andare a quelle bimbe e a quei bimbi che felici non sono.


Per questo vi presento La bambina che aveva parole, che tratta il difficile e terribile tema della violenza assistita con una delicatezza assoluta.


Penso che tutti gli adulti che si occupano delle bambine e dei bambini, tutti gli educatori  e le educatrici, gli insegnanti e i genitori possano trovare un prezioso aiuto in questo libro per arrivare al cuore dei bimbi che più ne hanno bisogno.


Magari anche solo facendogli ascoltare una fiaba che sappia aiutarli a dare un nome a quello che gli sta succedendo.


Potete trovare di seguito l’intervista alla fantastica autrice Maria Grazia Anatra, che ringrazio di cuore.




1. Puoi raccontarci qualcosa di te e di come è nato il tuo impegno contro la violenza assistita?


Docente liceale, presidente dell’Associazione Woman to be da anni mi occupo di letteratura per ragazzi, all’inizio collaborando con Piemme junior come formatrice per docenti sulla promozione alla lettura , poi a livello individuale come esperta in vari progetti, e dal 2012 come ideatrice del premio di Letteratura per l’infanzia NARRARE LA PARITA’ che è ormai diventato internazionale e poi come narratrice.

Il mio avvicinamento al  delicato tema della violenza assistita nasce da un incontro vero e proprio di qualche anno fa. In occasione della premiazione della terza edizione (2016) del premio  Narrare la Parità, realizzata a Strasburgo ho avuto modo di conoscere  Stefano Montanari responsabile Comunicazione della Commissione Europea sui Diritti Umani. Mi parlò dell’impegno della Commissione su questo tema di cui cominciai a documentarmi e a volerne sapere di più.


2. L’importanza della narrazione e delle parole come possibilità espressiva è centrale in questa storia che ci porti, che ruolo ha anche nella realtà per i bambini e le bambine e in particolare per coloro che sono vittima di abusi?


Le parole hanno un’importanza centrale nell’ultimo testo che ho scritto, perché diventano il mezzo fondamentale per uscire dal silenzio sia  da parte della protagonista  della storia (Nina), sia da parte di tutti quei minori che non hanno la possibilità e la capacità di esternare la propria sofferenza e i propri vissuti  traumatici.

Anche nella realtà la difficoltà di “avere le parole per dirlo” è uno dei focus centrali, dei nodi da sciogliere, con cui ogni giorno  si misura il personale della cura psicoterapeutica rapportandosi ai minori vittime di violenza domestica.



3. Quali sono i tuoi progetti futuri? Continuerai a promuovere la sensibilizzazione attraverso le storie e i libri per bambini a temi inclusivi quali la parità di genere e la lotta contro gli abusi?


Sicuramente quello che ho realizzato in questi anni lo considero davvero solo un inizio. C’è moltissimo ancora da fare per trasformare mentalità e cultura ancora oggi intrise di stereotipi, di squilibri, di discriminazioni tra i generi. E questa operazione deve partire sin dalla più tenera età.

Per quanto riguarda il tema della violenza domestica, spesso considerato in Italia  tabù, tanto che nel panorama della narrativa italiana per bambini  esiste poco o per meglio dire niente in merito, sto lavorando insieme ad altri soggetti affinché nasca un progetto editoriale corposo, coinvolgendo in primo luogo il settore della psicoterapia.


Commenti

  1. Davvero interessante questo libro e come sempre le tue interviste sono il top

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con