Passa ai contenuti principali

Ultimo amico di Edmondo De Amicis, intervista al curatore Enrico de Luca

“Che si balocca per un’ora con un giornale 

e fa il leone furioso contro una scarpa; 

che fiuta le lettere come un amante, 

annusa i libri come un bibliomane 

e origlia agli usci come una spia…”


Buongiorno bibliomani,



ho trovato finalmente un appellativo neutro per salutarvi, proprio grazie a questo libro “L᾽ultimo amico” di Edmondo De Amicis.


Beh, lui in realtà lo riferisce al suo cane, Dick, a cui è dedicato e indirizzato questo racconto.

In fondo non è facile trovare in italiano un epiteto che non sia sessista (cfr. Alma Sabatini) e già il linguaggio è di per sé ricettacolo di stereotipi e pregiudizi.


Nell᾽Ultimo amico la penna magistrale di De Amicis, inizia con lo scardinare uno dei pregiudizi dello stesso autore, vale a dire quello nei confronti della razza canina da lui in un primo momento considerata inferiore. È inizialmente il sentimento di pietà che permette a De Amicis di entrare in empatia con il trovatello portato a casa dal figlio minore in un momento difficile per l’autore, che devo sopportare la morte della cara madre, il suicidio del figlio maggiore e il divorzio.


Il fatto che De Amicis trovi conforto nel rapporto con il proprio cane più che dagli esseri umani, non è raro ed è comune tra molti scrittori del secolo scorso. Faccio ad esempio riferimento alla raccolta di racconti "Cane e Padrone" di Thomas Mann o a “Cuore di cane” di Bulgakov.



Nel libro c’è inoltre una precoce sensibilizzazione sulla tutela e la difesa dei diritti degli animali attraverso il rifiuto di ogni forma di maltrattamento.



Domande a Enrico de Luca, curatore dell’edizione pubblicata da Caravaggio Editore nei Classici Ritrovati.


1. Come è nata l’esigenza di una nuova edizione di questo scritto di De Amicis? 


Semplicemente perché non ne esisteva una (se si esclude l᾽anastatica della prima edizione) che consentisse al lettore moderno di leggere questo scritto degli ultimi anni dell᾽autore di Cuore. Possedendo l᾽edizione Treves (1905) e trattandosi di un testo breve, ho pensato di offrire un᾽edizione in cui fossero presenti tutte le varianti d᾽autore, anche se nella maggior parte dei casi adiafore, della prima edizione del 1900. 


2. Hai curato anche altre opere di questo autore? Qual è l’aspetto che ti ha più colpito di questa?


Sì, ho curato L᾽amore dei libri nella collana Gemme di Caravaggio editore. Dell᾽Ultimo amico ho apprezzato l᾽ironia dell᾽autore e il suo sincero attaccamento a Dick, un cagnolino inizialmente considerato di poco valore, ma che, rivelandosi ben presto dotato di elevate capacità intellettive e affettive, diventa il vero ultimo amico di un uomo che sta vivendo il periodo più buio e desolato della sua vita.


3. Quali sono i prossimi progetti relativi alle opere di Edmondo De Amicis?


Ho ultimato in questi giorni l᾽edizione di un testo straordinario, Nel giardino della follia.





Commenti

  1. Trovo la storia di amicizia con il cane davvero bella. Ottima intervista come sempre cara ❤️ ricca di spunti di riflessione

    RispondiElimina
  2. Tante volte gli animali sono migliori delle persone e i cani sono i migliori amici dell'uomo da sempre. Devo assolutamente recuperare questa lettura
    Grazie per la segnalazione

    RispondiElimina
  3. Bella questa intervista, sempre interessanti le tue domande

    RispondiElimina
  4. Bellissima intervista complimenti

    RispondiElimina
  5. Un intervista molto interessante. Di De Amicis ho letto solo qualche pagina di Cuore. Dovrei recuperare questo😊

    RispondiElimina
  6. Un intervista molto interessante. Di De Amicis ho letto solo qualche pagina di Cuore. Dovrei recuperare questo😊

    RispondiElimina
  7. Riesci a non essere mai banale, complimenti

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo questo scritto, il che la dice lunga su quanto effettivamente servisse questa edizione. Penso che lo prenderò perché, da amante dei cani, mi piacciono libri così.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con