Passa ai contenuti principali

L'OMBRA DI EDITH NESBIT: INTERVISTA A ENRICO DE LUCA


Siamo ormai in autunno e come si sa, il mese di Ottobre in particolare, è il mese perfetto per parlare di fantasmi. Il giorno dei morti si avvicina, fuori l'aria è fredda, magari c'è un forte vento e le nuvole sono cariche di pioggia. In genere questi racconti avvengono in torno al calore del fuoco di un camino, in un albergo, in un maniero, in un castello.

Qualcuno arrivato da fuori racconta ad un gruppo di sconosciuti una storia di fantasmi, un incontro col sovrannaturale, spesso capitata a qualcun'altro, ma il più delle volte si sottende che prorpio colui che racconta è il vero protagonista dell'incontro.

Dal Castello della Pietra vi presento il libro di Edith Nesbit L'Ombra ed altri oscuri racconti e vi racconto anch'io un'antica leggenda. Dovete sapere che ancora oggi si aggirano nelle sale di questo castello e nelle vallate che lo circondano fantasmi e antiche presenze. A me è stato raccontato con vivida chiarezza del fantasma Francesca, una donnna bellissima, rifiutata e ingannata da sua Signoria Opizzone della Pietra, signore del castello.

Un fantasma di una donna altrettanto bella, se non di più, lo troviamo anche in uno dei racconti di Edith Nesbit autrice prolifica, poetessa e socialista attivista, nota soprattutto per le sue fiabe per bambini, capace di farci immergere in un'atmosfera gotica travolgente. Siete pronti ad entrarci?



INTERVISTA AL CURATORE ENRICO DE LUCA


Nella prefazione parli di come Edith Nesbit sia molto amata dalla J. K. Rowling. Ci potresti dire se ci sono tracce dell’influenza di questa autrice nella saga di Harry Potter?

Ce ne sono molte – disseminate nei vari volumi, insieme ad altre di altri autori poco noti in Italia; c᾽è da dire che Rowling riprende la Nesbit di Cinque bambini e IT o di altri romanzi e racconti fantastici (ne ha scritti davvero un numero considerevole). 



Come s᾽inserisce l᾽autrice nel contesto del gotico? Com᾽è stato accolto il fatto che una scrittrice, nota soprattutto per i libri di fiabe per bambini, abbia scritto racconti del terrore?

Le ghost story di Nesbit sono di ottima fattura, hanno ricevuto il plauso di numerosi autori del passato e del presente, e affrontano il gotico e il soprannaturale in modi diversi di volta in volta diversi: dal superbo Man-Size in Marble a The Power of Darkness, ambientato in un museo, dal famoso The Violet Car all᾽angosciante In the Dark ecc.; molti di questi racconti sono stati scritti per essere venduti alle riviste, e solo successivamente (ma non sempre) raccolti in volume. Inoltre Nesbit non fu l᾽unica autrice per bambini e ragazzi a essersi dedicata al gotico e alle ghost story, mi viene in mente, solo per citare un nome, anche Mary Louisa Molesworth.



I cinque racconti raccolti in questo volume sono molto diversi tra loro, c’è un fil rouge o una connessione tra questi nel modo in cui viene trattato il “sovrannaturale”?

Ho cercato di selezionare racconti diversi fra loro, per dare un᾽idea dello stile dell᾽autrice in questo genere. Per esempio, l᾽ultimo parla del potere della paura, della paura della paura, e di come si possa giocare sulla paura altrui per perseguite i propri scopi (argomento trattato più di una volta in altri racconti).




Qual è il tuo racconto preferito e perché?

Credo di prediligere il primo, quello che dà il titolo alla raccolta che ho messo insieme e curato, perché lo trovo molto suggestivo e ben scritto. 

Commenti

  1. Amo i racconti dalle atmosfere gotiche, questi racconti sembrano fare al mio caso

    RispondiElimina
  2. Essì, dobbiamo ricordarci che molti sfruttano le nostre paure, verissimo!

    RispondiElimina
  3. Mi piacciono i castelli infestati dai fantasmi. Bella questa raccolta

    RispondiElimina
  4. Trovo interessante il pensiero sulla paura altrui usata spesso in maniera impropria

    RispondiElimina
  5. Molto bella questa intervista! A me piacciono molto i racconti dalle atmosfere goriche

    RispondiElimina
  6. Nonostante il gotico non sia il mio genere preferito, questo libro mi ha colpita molto. Grazie anche alla tua intervista ho potuto comprendere sfaccettature che da sola probabilmente non avrei “visto”.
    Splendida intervista, come sempre

    RispondiElimina
  7. Sempre interessanti le tue interviste! Non conoscevo questo libro, ma da come l'hai descritto sembra interessante e, soprattutto, adatto a questo periodo. Ci faccio un pensierino!

    RispondiElimina
  8. Molto interessante, non sapevo del esistenza di questo libro è questo articolo/approfondimento mi ha intrattenuto!

    RispondiElimina
  9. Questa è una raccolta che mi ispira tanto e che ho visto molto all'interno del Bookstagram. La tua intervista però mi ha convinta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con