Passa ai contenuti principali

LE IMPERFETTE

"Pensò a tutte le bugie che gli aveva raccontato, bugie innocue che erano il tappeto di quell’educazione sentimentale che metteva a tacere i bambini, quasi non esistessero. Non si era fermata a ragionare un solo istante, davanti a quegli occhi pervasi di malinconia, aveva inseguito i propri bisogni e desideri. Non era stata attenta. Aveva la sensazione precisa di aver fuggito costantemente i propri figli, come se la giornata fosse un appuntamento continuo, tanto poi la sera le bastava saperli nei loro letti, al sicuro e addormentati, muti, senza richieste.”




Già solo quella mezz’ora in più per finire di leggere il libro di Federica De Paolis, LE IMPERFETTE, sono stata sballottata dai miei figli che più mi vedevano presa dalla suspance finale del libro più cercavano la miaattenzione con le richieste più disparate.
 
Figuriamoci il resto.
 
Uno spostamento costante del centro della mia esistenza che non tornerà mai più ad essere mia, almeno non solo mia. 
 
Se ti stai chiedendo cosa vuol dire essere oggi mamma, moglie e donna e come tenere insieme questi aspetti, questo libro fa per te. Un ritratto della condizione femminile di oggi senza tanto clamore, né denuncia, solo la nuda realtà… con un “pizzico” di tensione in più che non guasta in un libro.
 
Per quanto l’amore di Anna, la protagonista del romanzo, verso i propri figli sia oblativo, assoluto e assolutizzante lei si trova ad essere dilaniata, e attenzione il termine è voluto - non si tratta di cercare un equilibrio -  tra i propri bisogni (ebbene sì, quelli primari) e la famiglia.
 
Tuttavia, quando i nodi vengono al pettine e si va a vedere da che parte deve stare l’ago della bilancia, è evidente che in realtà non si è mai mosso dai suoi figli. Soprattutto quando si tratta della loro incolumità tanto fisica quanto morale.
Per quanto possa essere intimamente necessaria una via di fuga, la voglia di “eclissarsi, perdersi.. dimenticandosi di tutto e tutti”, per quanto la paura dell’imperfezione, dell’inadeguatezza di fronte al compito dell’educazione possa travolgerci, annebbiarci la vista, una certezza resta, o anzi mi auguro resti sempre: e si chiama responsabilità.
 
Sarebbe molto bello se tale responsabilità venisse effettivamente condivisa e suddivisa in parti uguali, spalmata equamente su entrambi i genitori, entrambi i sessi, entrambi i generi o trans-generi che siano.


“Dal punto di vista delle sensazioni fisiche era certa che l’amore e la morte fossero lo stesso tipo d’iniezione; ne conseguivano stati diversi, ma il risultato era il medesimo: la perdita di se stessa.”
 
“Non sono le donne ad essere imperfette, ma le persone, gli esseri umani… E lei dovrebbe essere più clemente con se stessa, accogliere le sue imperfezioni invece di demonizzarle.”

 

Commenti

  1. Bisognerebbe fare più letture di questo tipo

    RispondiElimina
  2. Ciao! Sono una nuova iscritta! :)
    Sembra davvero una lettura intensa ed interessante! Sono sicura che valga la pena leggerlo!

    RispondiElimina
  3. Penso che questa lettura mi commuoverebbe

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con