Passa ai contenuti principali

BLACK BUTTERFLY: LA MEMORIA DELLE FARFALLE

“Una farfalla tutta nera riempie lo spazio bianco. (…) E’ la farfalla più rara al mondo, gli scienziati impazziscono per questo esemplare. Studiano la sua memoria, dicono che quando passa dallo stato di crisalide a quello di farfalla accenda la sua memoria. Del prima non ricorda nulla.” 

“Come me.” 

“Sì, ed è bellissima, come te.”


- La memoria delle farfalle, A. Piscopo


«Non v'è dunque da stupirsi se può fare riemergere alla mente ciò che prima conosceva della virtù e di tutto il resto. Poiché […] ha tutto appreso, nulla impedisce che l'anima, ricordando (“ricordo” che gli uomini chiamano apprendimento) una sola cosa, trovi da sé tutte le altre […]. Cercare ed apprendere sono, nel loro complesso, reminiscenza».


- Menone, Platone







Sarebbe bello ritornare ad avere sedici anni, ma con la consapevolezza dei trenta. Una vita dentro una vita. 

Così è per Giulia, la protagonista del bellissimo romanzo LA MEMORIA DELLE FARFALLE di Annamaria Piscopo, che così giovane, ha già vissuto tante vite  - troppe forse. 

Il fatto è che la vita che viviamo è imprescindibile dalla memoria che abbiamo della stessa. Pertanto, se fatti gravi come può essere un lutto o anche altri meno gravi alternano il flusso dei nostri ricordi, allora anche la nostra identità ne è coinvolta. 


A proposito, già Platone parlava nel Menone - in riferimento alla teoria della metempsicosi - della possibilità stessa di conoscere come di un ri-conoscere, con la certezza che siamo in grado di conoscere qualcosa della realtà che ci circonda solo se con il ricordo possiamo attingere ad una conoscenza pregressa della stessa. La conoscenza è in altre parole un processo di ricordo di idee innate nell'anima, che l'esperienza in questo mondo e la percezione sensibile contribuiscono a “risvegliare”.


Oltre all’accurata ricerca sulle farfalle, non è infatti marginale il fatto che l’autrice sia una biologa seppur non esperta del settore, e l’affascinante protagonista maschile - Mattia - che è appunto un allevatore di farfalle, ciò che più mi ha colpito del romanzo è proprio il tema del ricordo e il modo in cui lentamente si dipana la struttura dell’identità a partire dalla possibilità stessa di ricordare.


Ho fatto una piccola ricerca sul web sulla farfalla nera, - Catephia Alchymista, la più rara di tutte -  il cui colore ha dato vita a molteplici simbologie e interpretazioni. Essa ha infatti molteplici significati a volte positivi e altre volte negativi;  rappresenta il cambiamento, la transizione, la libertà e la rinascita. Le associazioni con la morte e la disgrazia possono anche simboleggiare la “morte” di qualcosa di brutto o negativo o la fine delle disgrazie.


Un aneddoto curioso, è relativo alla notizia pubblicata nel febbraio 2013 sul Sunday Mirror secondo cui la cantante Dionne Bromfield ha dichiarato che, al funerale di Amy Winehouse c’era una farfalla nera che si era posata sulla spalla di Kelly Osbourne ed è stata lì per l’intera cerimonia e poi è volata via non appena è finito tutto. Per questo, in memoria della cantante scomparsa a 27 anni, ha voluto incidere il brano Black Butterfly, che vi consiglio dia ascoltare mentre leggete.


Commenti

  1. Come sempre, sai essere chiara e emotiva ❤️

    RispondiElimina
  2. E sempre interessante vedere che visione hai dei libri che leggi, fai sempre delle analisi a cui non avrei pensato

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr