Passa ai contenuti principali

IL TEOREMA DELLE BACCANTI

“Uno Straniero arriva in città da terre favolose e remote. La sua comparsa ha i tratti di un prodigio, di un evento soprannaturale. Essa sconvolge la polis e le sue istituzioni disgrega le famiglie, distrugge la vita dei singoli e della comunità.”

“Uno Straniero che proviene dall’Oriente.”
Svela all’improvviso il suo volto segreto e terribile, il volto di un toro selvaggio.

“E tu che sei qui davanti a me, tu che mi guidi, ora mi sembri un toro:
sulla tua testa sono spuntate le corna.
Eri una belva già prima? Perché ora ti sei mutato in toro?”

 - Euripide, Le Baccanti


Dioniso, cosa posso dirvi nello spazio di un post? In effetti ho scritto un libro che ruota intorno a tale divinità. E' il lavoro che è uscito dal mio dottorato di ricerca e si intitola "La fuga degli dèi. Mito, immagini e matriarcato in Ludwig Klages." Ma ve ne parlerò un'altra volta.
Dioniso, senz’altro la mia divinità preferita. Non tanto per il fatto che sia il dio del vino e dell’ebbrezza - per quanto siano aspetti importanti per superare il limite e i confini così limitati di ciò che possiamo percepire della realtà grazie alla sola ragione.

Soprattutto perché è il dio della metamorfosi.

Ve le ricordate anche voi le edizioni dei classici blu della BUR con il testo greco a fronte? A me riportano con la mente alla mia adolescenza, al mio meraviglioso professore di greco del liceo.
E’ stato lui il primo a farmi capire che poteva esserci una diversa provenienza del nostro pensiero occidentale, una commistione nel nostro modo di pensare arrivata dall’Oriente.

Un piccolo seme dirompente insito all’interno della nostra mentalità, della rigida logica del sillogismo, dei sofismi e delle sottigliezze della ragione, simbolicamente rappresentato da una divinità: Dioniso.
Dioniso, lo Straniero.
Dioniso e le sue baccanti.
Dioniso è forse donna, è anche donna.
Ha riccioli d’oro, che gli arrivano sulle spalle.
Si traveste.
Un culto assorbito in Occidente dall’Oriente, i cui la facle di luna si ripecchia nelle corna di bue.

Lo straniero che giunge in patria per scardinare la “normalità”.

Nietzsche nel suo noto saggio la “Nascita della tragedia” che ha rivoluzionato la ricezione dell’antichità nel Novecento ha contrapposto il dionisiaco all’apollineo, ricalcando la dicotomia che sottende il reale secondo la maggior parte delle culture e tradizioni di pensiero del mondo.
Dallo yin e lo yang, alla dicotomia tra natura e cultura, luce e tenebre, maschile e femminile, mondo sensibile e mondo delle idee. Dioniso e Apollo.

Tuttavia Dioniso è molto di più di uno dei due poli intorno a cui si articola tale dicotomica percezione del reale dal punto di vista “umano troppo umano”.
Dioniso è il Tutto, il costante fluire della realtà che sottende qualsiasi ulteriore polarità. In questo senso è metamorfosi. Metamorfosi pura.

Ai bambini, certo, dico che Dioniso domava tigri e leoni e che era il dio del vino e delle feste. Questo libro - IL LIBROQUIZ SULLA MITOLOGIA - è perfetto per loro! Loro già lo sanno che si poteva trasfmorare e la cosa non gli stupisce più di tanto.

Agli adulti consiglio invece Pasolini, forse colui che questo dio l’ha capito meglio ultimamente (dopo Nietzsche, dopo Euripide). Leggetevi TEOREMA.


Musica consigliata: Lilac Wine, Jeff Buckley


Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con