Passa ai contenuti principali

LA FIDANZATA D’AMERICA

“Sembri Penelope” le disse un giorno Nicola.

Ma la sua terra di pietra (“tutti sassi” dicevano gli anziani) non era Itaca e Bettuccio non era re ma un emigrante in cerca di pane e lavoro.




La povertà di un’Italia meridionale post bellica, degli anni ’20, dove chi non ha né arte né parte e magari è orfano di padre e nipote di briganti, nonostante si dia da fare come sarto e sappia usare l’abilità delle mani è costretto ad emigrare in America.



Ma questa non è la storia di Bettuccio, emigrante-brigante appunto, ma della sua fidanzata.


Ada, bellissima con la sua treccia corvina di capelli morbidi e setosi, i suoi occhi verdi con lo “sguardo svagato di castagna acerba” e il suo portamento elegante che aveva attratto Bettuccio sì, ma anche altri pretendenti.


Assieme certo alla gelosia della "matrigna", e delle zie e le altre donne del villaggio, molto meno belle ed eleganti e per questo maligne. Intente a renderle la vita insopportabile e a farle agognare la fuga verso un paradiso apparente, un miraggio lontano e difficilmente raggiungibile. E' la rivalità tra donne e l'invidia della matrigna che ci fa capire quanto le classiche fiabe stile fratelli Grimm non siano poi così lontane dalla realtà delle nostre nonne.


E forse la citazione di Gabriele D’Annunzio, che Giusy Cafari Panico, l'autrice, ci riporta sul frontespizio, non è altro che una profezia, un saggio monito a tutti gli uomini-briganti davvero innamorati e non soltanto interessati al "frutto proibito": “Non ritroverete mai la vostra donna - amata, amante - così com’era quando da lei vi separaste”. 


L’autrice di La fidanzata d'America, con la sua delicata penna (non mi stupisce che sia anche poetessa infatti!), ci lascia alcuni, pochi indizi, come questa intestazione di d’Annunzio e  la dedica alla nonna, Ada. 

L’ispirazione del suo romanzo, come mi ha confermato l’autrice è infatti proprio “il fidanzamento di mia nonna con un sarto che è emigrato a Filadelfia, prima di sposare mio nonno. E' vera anche la storia del fratello prete malato. Il resto è tutto romanzato.”


Una storia vera, dunque, che come un manto innevato avvolge le meravilgiose montagne d'Abruzzo e risuona con dolce nostalgia in ogni storia d’amore dove la donna è
costretta a scegliere tra se stessa e l'amore.



"Dal Monte Morrone si irradiava un chiarore soffuso come un'aureola e più lontano si scorgeva il profilo della Bella Addormentata. Dall'altra parte svettava la Majella, la Montagna Madre. Sua mamma le narrava che era la montagna della dea Maia, venuta da un Olimpo lontano per curare con piante magiche e medicamentose il figlio ferito. Ma la dea, trovando solo ghiaccio, e vedendo il figlio morire, sia accasciò per terra mentre la montagna, pietosa, prendeva la sua forma."



Canzone consigliata: Vaga Luna di Bellini





Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni libro che parla di noi, intervista all'autrice Noemi Antonelli

  Meglio da soli che in tre. Ho letto questo Ogni libro che parla di noi in un un soffio anche perché chi ad un certo punto della sua vita, anche solo a livello platonico, non ha vissuto l’esperienza del dilemma amoroso? Se poi ci aggiungiamo che il trend d’union e’ la passione per i libri... ci sono tutti gli ingredienti per intrigare una bibliomane come me. Tuttavia, ho trovato un po’ troppo stereotipati i protagonisti e difficile immedesimarmi con quell’età di mezzo che non e’ nell’adolescenza ne’ l’età adulta, che a quanto pare si è ormai spostata alla soglia dei trent’anni. Non che ne abbia tanti di più, intendiamoci! Come ormai sapete cerco libri “graffianti” questo non lo è, e’ una lettura leggera, un romance colto e raffinato che saprà conquistare i più. Domande a Noemi Antonelli: Ad alcuni tratti leggendo il tuo romanzo ho come avuto l’impressione di leggere una storia dentro alla storia , una metà storia , in cui parlando del libro della protagonista. Sembrava

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

UN LABIRINTO IN MARE

I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.” Un labirinto in mare  di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà. “Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.” Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con