Passa ai contenuti principali

UN LABIRINTO IN MARE


I miti col loro fondo di verità e leggenda non sfuggono alla deformazione dei racconti, agli inganni che gli uomini aggiungono e amplificano.”



Un labirinto in mare di Matteo Pizzolante mette in scena in una Grecia lontana l’eterno incontro-scontro tra logos e mythos: in altre parole tra ciò che è razionale e ciò che invece non lo è. Nel labirinto di Asteronte, il Minotauro, luogo mitico e ancestrale legato agli abissi della mente umana, metafora della nostra corruttibilita’, sono solo le parole - il logos - appunto, a creare la realtà.



“Le parole sono il suono per far vibrare il mondo e le sue Cose. Con tutte le parole del mondo io potrò costruirlo qui, il mio mondo, fatto di parole che prendono vita, che volano o scavano o nuotano e tutte col proprio colore o luogo.”



Il protagonista è Ipnomaco anziano pescatore-spettatore e fanciullo innocente. L’unico che   spinto dalla curiosità di bambino finisce nel labirinto del Minotauro e riesce a sopravvivere all’atrocità dell’incontro con l’impossibile. Ovvero: la pretesa del Minotauro, creatura mitologica per eccellenza, di impadronirsi attraverso le parole delle sue malcapitate vittime della Storia, intesa qui come rappresentazione umana oggettiva e oggettivante della realtà.


Lo so, qui siamo nell’ambito della filosofia pura: infatti il nostro protagonista e’ anche paragonabile all’oltreuomo nietzscheano, in quanto è in grado di sopportare il peso dell’eterno ritorno. 


La sua vita e’ la preparazione e ripetizione di altre vite. Nello specchio del tempo si riflette nel giovane Eurimaco che, cantando le gesta del Minotauro, finirà per essere catturato dai pirati.


Come se solo lo scontro con l’alterità renda infine la vita degna di essere vissuta, da qualsiasi punto di vista la si guardi. 

Dialettica degli opposti e reciproco superamento: 

Mythos e Logos.

Logos e Mythos.



Passando alla narrazione, l’autore riesce a trasportarci nel mondo greco grazie al filo di Arianna di una prosa quasi poetica che riesce ad arrivare dritto al lettore.


Non mi è del tutto chiaro se gli Inframmezzi, che si trovano tra i capitoli, del resto molto brevi e concisi, restano mero esercizio di stile, o se aggiungono poesia al racconto.


A voi il giudizio, ve ne lascio un breve estratto: 


“Lo specchio non rifletteva qualche cosa. Lo specchio rifletteva Tutto. Ora la bava del tempo lo chiazza. Lo ossida. Se ne nutre leccandolo, come capra sul sale. La capra del tempo e il suo sale. 

Sale del mare portato a riva, lasciato a riva, formatosi al limite.

Il sale è il limite del mare tra gli specchi e tutto il resto. Tutto.”

Commenti

  1. Un titolo sicuramente diverso ed enigmatico. Sono un po' in forse sul fatto che mi piaccia o meno.

    RispondiElimina
  2. Il tema del labirinto è uan cosa che mi affascina molto. Se poi paragoni le sensazioni a quelle di Piranesi, mi hai conquistato 😍

    RispondiElimina
  3. Un libro particolare e interessante! La tua recensione mi è piaciuta! Grazie per avercelo portato sul blog 🤩

    RispondiElimina
  4. Non è un genere a cui vado molto appresso, ma sembra una lettura interessante!

    RispondiElimina
  5. Penso che potrebbe piacermi tanto!

    RispondiElimina
  6. Sembra interessante ☺️ Anche se credo non faccia per me 🙈

    RispondiElimina
  7. Penso che lo leggerò perché potrei preferirlo a Piranesi. Qual è stato pubblicato prima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara ! Senz’altro questo! Comunque il collegamento l’ho fatto io ... ed e molto sottile e legato all’aspetto più filosofico dei due libri . Devi saper che questo non è per nulla fantasy ma realista ! Un abbraccio

      Elimina
    2. Ciao cara ! Senz’altro questo! Comunque il collegamento l’ho fatto io ... ed e molto sottile e legato all’aspetto più filosofico dei due libri . Devi saper che questo non è per nulla fantasy ma realista ! Un abbraccio

      Elimina
  8. Penso che lo leggerò perché potrei preferirlo a Piranesi. Qual è stato pubblicato prima?

    RispondiElimina
  9. Mi è piaciuto piranesi quindi mi potrebbe piacere anche questo, grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista a Martina Pellegrini, MIMebù

L’intervista è incentrata sul ruolo e la potenzialità che hanno le immagini o le illustrazioni nelle diverse pubblicazioni letterarie rivolte alla prima infanzia, quindi alla fascia d’età dei bambini che va dai due ai sei anni. Nella convinzione che la lettura e, nello specifico la lettura correlata da immagini, sia fondamentale per lo sviluppo cognitivo dei bambini di tale fascia d’età - considerata unanimemente dai ricercatori a partire da Piaget e Bruner  “periodo della padronanza dei simboli”- , si prendono in considerazione i seguenti ambiti letterari: pubblicazioni sul mito, le fiabe, gli albi illustrati e le pubblicazioni scientifiche.  Nello specifico, si vuole indagare quanto sia importante la scelta delle immagini per veicolare determinati valori, primo fra tutti quello della differenza sia di genere sia etnica.  Le domande di seguito elencate sono quindi relative al mio progetto di tesi “Leggere al contrario: la potenzialità delle immagini nell’apprendimento inclusivo” in

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.” - La regina delle Ombre Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE , di cui potete vedere le cover in foto. Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti! Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica. 1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostr